di


I futuri del gioiello italiano alla mostra “Brilliant!”

Alla Triennale di Milano dal 2 aprile una selezione delle migliori 50 espressioni d’arte orafa a cura di Alba Cappellieri. Protagonista il collier

Triennale, mostra Brilliant_Chantecler

(Un collier Chantecler alla mostra Brilliant!, alla Triennale di Milano)

Torna sotto i riflettori il gioiello italiano e sarà protagonista, dal 2 aprile al 12 settembre alla Triennale di Milano, della mostra “BRILLIANT! I futuri del gioiello italiano”. A cura di Alba Cappellieri, professore ordinario al Politecnico di Milano dove insegna Design del Gioiello e dell’Accessorio, si inserisce nell’ambito degli eventi per la 21esima Esposizione Internazionale  della Triennale.

Triennale_mostra brilliant_GIAMPAOLO BABETTO

(Un collier firmato Giampaolo Babetto)

La XXI Esposizione internazionale della Triennale, con il tema “21st Century. Design After Design”, ritorna dopo 20 anni a Milano e avrà luogo dal 2 aprile al 12 settembre. La mostra segna il ritorno del gioiello nelle Triennali Internazionali e una ritrovata dignità artistica: la presenza dell’arte orafa intende testimoniare la propria vitalità, ristabilire un dialogo con le arti, recuperare dignità artistica, di-mostrare la qualità italiana in termini di creatività e manifattura, mettere in evidenza la varietà formale, disciplinare e tipologica del gioiello italiano contemporaneo.

Triennale_mostra brilliant_Ferrè

(In mostra alla Triennale anche un collier di Ferrè)

Il gioiello torna dunque tra le arti, tra vocazione manifatturiera e innovazione tecnologica: in vetrina una selezione delle migliori 50 espressioni di “italianità”, opera di maestri e giovani talenti, di abili artigiani e di maison orafe, in una commistione armoniosa di arte, design, moda e nuove tecnologie.

Triennale_mostra brilliant_EMANUELA BURGENER

(Emanuela Burgener tra i protagonisti della mostra “Brilliant!”)

Protagonista è il collier, il gioiello più rappresentativo dell’arte orafa italiana. I 50 gioielli selezionati sono emblematici dei futuri scenari del gioiello italiano, definiti da Manifattura Mirabile, Bellezza Quotidiana, Avant Craft, Tecnologie Preziose e Creatività Collettiva. Un pluralismo fatto di linguaggi, sperimentazione e ricerca, dall’alta gioielleria alle nuove tecnologie indossabili e interattive. La frammentarietà del presente apre squarci sul futuro in un’intersezione di contesti ed ambiti di grande fascino.

Triennale_mostra brilliant_DE SIMONE

(Un collier De Simona tra i gioielli in mostra alla Triennale)

In mostra opere di:
Antonini, Giampaolo Babetto, Giampiero Bodino, Buccellati, Bulgari, Margherita Burgener, Fabio Cammarata, Monica Castiglioni per Bijouet, Chantecler, Roberto Coin, Comete, Crivelli, Riccardo Dalisi, Damiani, De Simone, Sandra di Giacinto, Gianfranco Ferre’, Forevermark Italia, Emma Francesconi, Giannotti, Stefan Hafner, Alba Polenghi Lisca, Liverino 1894, Stefania Lucchetta, Giulio Iacchetti per Maison 203, Manuganda, Stefano Marchetti, Marco Bicego, Marni, Mattia Cielo, Mattia Mazza, Mattioli, Mimi, Misis, Giancarlo Montebello, Moschino, Pasquale Bruni, Francesco Pavan, Percossi Papi, Gaetano Pesce, Pomellato, Carla Riccoboni, Sanlorenzo, Santagostino, Sharra Pagano, Vendorafa, Vhernier, Francesca Villa, Giorgio Visconti, Graziano Visintin.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA