di


Hong Kong, HKDTC aggiunge la vetrina virtuale a quella fisica

La fiera asiatica si trasforma in opportunità di e-commerce tramite un codice QR che collega il buyer a una pagina personale dell'azienda dove acquistare i prodotti

Oltre ad esporre con un proprio stand, le imprese orafe hanno da oggi una nuova opportunità alle fiere orafe organizzate dall’Hong Kong Trade Development Council (in sigla HKTDC): aderire al servizio “Small Orders“, che mette a disposizione delle aziende non soltanto vetrine fisiche collocate nei corridoi della fiera, ma anche un collegamento diretto a una pagina e-commerce attiva per un anno dalla quale si possono gestire contatti e ordini.

hong-kong_fiera_small-orders_img_5794_low-compressor
Le vetrine degli espositori con il codice QR Code con cui collegarsi alla loro pagina di e-commerce

La fiera è, infatti, un’opportunità di vendita: un’opportunità primaria che può essere potenziata dalle nuove tecnologie e che HKTDC  ha saputo cogliere e sviluppare per amplificare i vantaggi della partecipazione alla rassegna. Raccoglie sempre maggiori adesioni il servizio già lanciato nelle scorse edizioni dell’Hong Kong International Diamond, Gem & Pearl Show e dell’Hong Kong International Jewellery Show, le due manifestazioni dedicate alla gioielleria, e che punta ora a diffondersi anche tra le imprese italiane.

hong-kong_fiera_small-orders_evidenza-compressor

A spiegare come funziona questa opportunità è Gianluca Mirante, direttore Italia di HKTDC: il servizio è già attivo, ma l’obiettivo è coinvolgere un numero sempre maggiore di aziende italiane che, soprattutto nelle fiere orafe organizzate dalla società, costituiscono sempre centro di interesse per le migliaia di buyer in visita.

gianluca-mirante-compressor
Gianluca Mirante

Direttore, come è nata questa opportunità?
Per spiegarlo, è opportuno fare un passo indietro al periodo pre-crisi. Fino al 2008 gli ordinativi richiesti dai fornitori sul nostro portale B2B – settore in cui pure siamo specializzati da tempo – riguardavano sempre grandi numeri: sotto certe soglie, non erano ammessi. Poi, dopo il diffondersi di una congiuntura economico-finanziaria sfavorevole, pretese e ordinativi si sono ridimensionati e si è fatto largo il concetto di ‘Small Order’, che dà anche il nome al nostro servizio. Prima gli abbiamo dedicato un’area stabile, poi è diventato uno strumento a sé stante. A questo abbiamo pensato di aggiungere il vantaggio dei quattro giorni di fiera, durante i quali Hong Kong diventa crocevia di produttori, distributori e rivenditori.

In che modo può essere utile alle aziende italiane?
Ci sono diverse opportunità. Oltre alla possibilità di partecipare al business fieristico secondo la formula classica – cioè attraverso un modulo fisico tradizionale – le aziende possono decidere di affidare una selezione di prodotti a una vetrina fisica allestita dal nostro team, sulla quale campeggia un QR Code: in sostanza, il buyer osserva la vetrina – che può essere singola o collettiva -, si interessa al gioiello e si collega tramite smartphone a una pagina di e-commerce gestita dall’azienda (e attiva per un intero anno), dove la gamma di prodotti visibili sarà molto più ampia. Le due cose possono andare di pari passo: il servizio è disponibile sia per le aziende che espongono, sia per quelle fisicamente non presenti in fiera.

È difficile per un’azienda gestire la pagina e-commerce messa a disposizione da HKTDC?
No, bastano un computer e uno smartphone. Il sistema è semplice ed intuitivo: l’impresa deve solo scegliere quali immagini e prodotti caricare sulla propria vetrina virtuale, può aggiornare i prezzi e le disponibilità. Il buyer, dal canto suo, si fa un’idea attraverso la teca collocata in fiera e tramite il QR Code contatta l’azienda, che riceve una notifica immediata dell’interesse del compratore. Il pagamento, quando il contatto va a buon fine, avviene tramite PayPal. Di fatto, l’azienda si ritrova con un doppio vantaggio: la visibilità di una fiera rinomata, e una pagina di e-commerce a prezzi veramente contenuti. Perlatro, più aziende aderiscono e più il costo della piattaforma, per il singolo, si abbatte.

hong-kong_fiera_small-orders_corridoi-compressor
L’area Small Order all’interno della fiera di Hong Kong

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *