di


HOMI chiude a 94mila visitatori e si prepara a sbarcare all’estero

A Milano forte la presenza di buyer italiani. HOMI Russia si terrà dal 15 al 18 ottobre a Mosca per portare lo stile di vita italiano nel mondo

 

Apprezzato il debutto nel panorama fieristico di HOMI, il nuovo grande Macef, la rassegna di Fiera Milano dedicata agli stili di vita che si è svolta da domenica 19 a mercoledì 22. Quattro giorni per presentare le novità di 1.500 espositori su 80mila metri quadrati in un concept espositivo innovativo, che ha accolto intorno a sé 94mila visitatori. Forte la presenza degli italiani, segnale incoraggiante di ripresa, ma significativo anche l’arrivo di buyer da Russia, Spagna, Francia, Giappone, Grecia e Turchia.

Mentre è già partita la macchina organizzativa per la prossima edizione italiana di settembre, HOMI si prepara a sbarcare all’estero: la prima delle tappe fuori dai confini italiani, HOMI Russia, si terrà dal 15 al 18 ottobre 2014 presso il centro Crocus a Mosca, in contemporanea con i Saloni Worldwide Moscow. Una nuova scommessa per Fiera Milano, che porterà la manifestazione a contatto con un mercato ricco di opportunità: durante la design week sono infatti attesi a Mosca 50mila buyer provenienti da tutto il mondo. In quell’occasione, attraverso HOMI, le aziende potranno proporre la loro offerta in strategica complementarità con la già affermata edizione moscovita de I Saloni.

“La presenza di 94.000 visitatori, di cui il 15% esteri in questa prima edizione premia certamente il coraggio delle 1.500 aziende che hanno creduto da subito al progetto di HOMI – afferma Enrico Pazzali, Amministratore Delegato di Fiera Milano -. Ora insieme a loro e a quante vorranno seguirci in Italia e all’estero, potremo affermare questa manifestazione come espressione di eccellenza dello stile di vita italiano nel mondo”.

Chiusa l’edizione fisica di HOMI, la manifestazione si propone anche online, grazie a HOMIplus (www.homiplus.com) la prima grande fiera digitale dedicata agli stili di vita che sarà attiva dal 3 febbraio per otto settimane.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *