di


Hermès, semestre da record: l’Asia in testa

Registrato un +11% rispetto all’anno precedente con ricavi saliti a 2,7 miliardi di euro. Crescono a doppia cifra pelletteria, ready-to-wear e accessori

Hermès boutique-min

Semestre da record per Hermès, il cui risultato operativo si è attestato a 931 milioni di euro, in aumento del 13% rispetto all’anno precedente. Utile consolidato a 605 milioni (+11% rispetto al primo semestre 2016) e ricavi su a 2,7 miliardi di euro (+11% a cambi correnti, +10% a cambi costanti), per effetto delle performance positive di tutti i mercati di riferimento. A trainare il risultato, l’Asia, che può dire grazie soprattutto al mercato cinese (+14,3% escluso il Giappone, che da solo ha registrato un +3,4%). L’America e l’Europa hanno segnato un +7% e un +8,8 %.

La prima metà dell’anno si è dunque chiusa con profitti netti in crescita dell’11% a 605 milioni di euro e utili operativi in progressione del 13% a 931 milioni. Per quanto riguarda le singole categorie merceologiche, crescono a doppia cifra sia la pelletteria (+12%) sia il ready-to-wear e gli accessori (+10%); comunque in crescita, ma a ritmo più lento, la profumeria (+8%). In lieve calo, come a livello generale, il comparto orologi (-1%).

Attraverso il suo presidente Axel Dumas, il gruppo ha espresso comunque cautela per il secondo semestre, facendo sapere che il risultato raggiunto finora è “una crescita eccezionale che potrebbe non ripetersi nella seconda parte dell’anno”.

www.hermes.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *