di


Harry Winston già pronto a investire nella miniera di Diavik

Dopo la vendita del segmento Orologi e Gioielli a Swatch Group, vorrebbe rilevare l’altro 60 per cento del sito canadese appartenente a Rio Tinto

Ha appena ufficializzato la vendita del segmento Gioielli e Orologi a Swatch Group e non perde tempo a focalizzare le proprie attività nell’altro business della società: le miniere. Harry Winston si è dichiarato interessato ad acquistare una quota del 60 per cento della miniera canadese di Diavik, di proprietà di Rio Tinto. Proprio quest’ultimo, meno di un anno fa, aveva espresso l’intenzione di cedere alcuni dei propri interessi e non tardò a manifestarsi l’interesse di Harry Winston: attualmente Rio Tinto gestisce tre miniere (il 100% di Argyle in Australia, Diavik in Canada al 60% e Murowa in Zimbabwe al 78% oltre a un progetto avanzato in India).

La cifra resa disponibile dalla vendita al gruppo elvetico di Hayek (750 milioni di dollari, più 250 per coprire il debito) servirà dunque a Harry Winston per investire nel settore minerario: lo ha annunciato l’amministratore delegato Robert Gannicott in un’intervista al sito Bloomberg. La società con sede a Toronto è “in cerca di altre cose da fare”, ha detto.

Siamo consapevoli del fatto che Rio Tinto vuole vendere la sua quota del 60 per cento della miniera Diavik, della quale possediamo già il 40 per cento, è ovvio stare in allerta fino a quando il prezzo è giusto”, ha detto Gannicott. Il numero uno di Harry Winston, però, si è rifiutato di commentare quanto sarebbe disposto a pagare o se le due società abbiano discusso un accordo. Sulla miniera di Diavik la società ha già diritto di prelazione e a novembre ha concordato l’acquisto della miniera di Ekati, sempre in Canada (ora ne possiede l’80 per cento). Sul fronte Rio Tinto, invece, nessun commento dalla sede di Londra.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *