di


Gismondi 1754, AURA Collection

“Mi affascina da sempre il fatto che la parola AURA si dica nello stesso modo in tutte le lingue del mondo. Ho pensato che non fosse un caso e mi sono chiesto il perché. Ho scoperto poi che la parola aveva a che fare con l’incontro dell’energia del cosmo con quella dell’individuo e della sua anima e ho deciso di rappresentarla in un gioiello, rappresentando il suo significato con il simbolo del cerchio”.

Massimo Gismondi, CEO e Direttore Creativo di Gismondi 1754, azienda che si colloca ai primi posti tra le gioiellerie più antiche e strutturate d’Italia, per disegnare la sua nuova Aura Collection ha scelto sette cerchi, alcuni concavi e interni che ha disposto come un imbuto per fagocitare energia. Altri esterni e convessi perché attraverso di essi la stessa energia risalga trasformata prima di essere liberata. E ancora cerchi, piccoli e grandi legati gli uni agli altri nella catena. Un vortice di pura energia, una osmosi di oro e diamanti che si replica inesauribile in una genesi di bellezza.

www.gismondi1754.com

gondi 1794, collezione aura

gismondi 1794, collezione aura

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Lebole secondo banner orizzontale