di


Gioielli Stroili Oro contraffatti, presentato ricorso d’urgenza

La società: “Comprate solo nei negozi autorizzati”. La maison Ferragamo ha ottenuto un risarcimento record di 4 milioni di dollari per la vendita on line di prodotti falsi

Prodotti contraffatti, Stroili Oro, la grande catena di gioielleria presente in 350 shopping mall in tutta Italia e nei centri storici delle maggiori città, ha presentato ricorso d’urgenza al Tribunale di Milano Sezione Specializzata in Materia di Impresa. In seguito a una serie di segnalazioni, infatti, la società ha ravvisato la presenza sul mercato di copie dei propri gioielli, riscontrando la violazione di disegni e modelli registrati, la servile imitazione dei propri prodotti nonché l’agganciamento parassitario alla notorietà del marchio.

La sezione specializzata del Tribunale ha provveduto con effetto immediato a concedere le misure cautelari di istruzione preventiva volte a descrivere i gioielli contraffatti, permettendo a Stroili Oro di ottenere all’esito il ritiro immediato dei prodotti contraffatti dal mercato. La società ha anche dato il via ad azioni rivolte a sensibilizzare il consumatore sull’importanza di acquistare solo gioielli in vendita nelle sue boutique monomarca e nei rivenditori autorizzati.

“Il mercato dei prodotti contraffatti sta manifestando una crescita esponenziale che non solo danneggia l’economia e le aziende che operano nel rispetto della legalità ma anche la salute del consumatore finale che, acquistando articoli contraffatti, può correre il rischio di imbattersi in materiali nocivi e dannosi per la propria salute – ha commentato Maurizio Merenda, Amministratore Delegato di Stroili Oro Group -. Acquistare e regalare prodotti originali e certificati è garanzia di sicurezza e salute per se stessi e per gli altri”.

Il fenomeno della contraffazione,  che secondo gli ultimi dati Indicam ha un giro d’affari di 3,7/7,5 miliardi di euro al 2011, colpisce in modo trasversale e ha trovato nel web un ulteriore canale di diffusione. E’ questo il caso che ha coinvolto la maison Ferragamo, che a gennaio aveva intentato un’azione civile contro 15 titolari di complessivi 95 nomi di dominio che usurpavano il marchio e che commercializzavano prodotti contraffatti. E’ delle ultime ore la notizia secondo cui la corte del tribunale del distretto meridionale di New York ha emesso la sentenza con la quale riconosce la sussistenza di un danno di oltre 4 milioni di dollari a favore della società fiorentina.

Una precedente decisione della stessa corte aveva già disposto il trasferimento dei nomi di questi domini alla società e aveva provveduto all’oscuramento dei siti. “Accogliamo con grande soddisfazione questa decisione presa dalla corte di New York”, commenta Ferruccio Ferragamo, presidente del gruppo Salvatore Ferragamo, “che ha compreso il pericolo rappresentato dalla contraffazione online per i consumatori”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *