di


Gioielli Maybé Luxury, custodi di fortuna, ricchezza e amore

Un ritorno all’origine, una passione rinata e rinvigorita per la natura, un insopprimibile desiderio di primordiale: così, con questo background emozionale, hanno preso forma i nuovi gioielli della collezione Maybé Luxury di Reamirra. Un’azienda nata 12 anni fa con la premessa di un’esperienza ventennale del fondatore Antonio Coppola (un ingegnere dedicatosi poi anima e corpo all’azienda) da un anno a gestirla sono sua figlia Marianna e il marito Giuseppe Schiavone.

Un passaggio di testimone per imprimere una ventata di novità ad un gruppo solido che ancora oggi, però, non fa a meno dei consigli e dell’esperienza di chi l’ha portata avanti con successo in questi anni. Le scelte della nuova generazione di Reamirra non rinunciano alla preziosità: semplicemente, la declinano con un linguaggio nuovo, con l’attenzione al gusto e alle nuove tendenze.

Come dimostra la versione invernale della linea Maybé Luxury che mette sotto i riflettori perle baroccate e cammeo sardonico, mixandole con la sapienza di una tradizione antica e al tempo stesso rendendole attuali, indossabili da tutti, in grado di conferire eleganza o sdrammatizzare una mise troppo seria.
Anelli, bracciali, collane e girocolli, orecchini, pendenti: non c’è parte del corpo che non possa essere arricchita con le linee sinuose e perfettamente integrate tra loro dei gioielli Maybé Luxury.

Così dal mare arrivano tutti gli elementi preziosi che si congiungono all’argento grazie ad una lavorazione artigianale che ci permette di sentirci più vicine alle origini, all’ambiente che ci accoglie e ci circonda. Un po’ quello che è nascosto dietro l’evocativo nome dell’azienda: una leggenda che si perde nella notte dei tempi, una divinità egizia, forse, o un potente talismano.

Quel che è certo è che, quale che sia la realtà che Reamirra cela, la sensazione che regala alle donne – ma anche agli uomini, con le linee di gioielli a loro dedicate – è di essere fortunati detentori di amore, fortuna e ricchezza.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *