di


Gioielli a basso costo, senza rinunciare ai diamanti

Attrarre una fascia di consumatori che ama il gioiello con diamante ma, per età, condizioni economiche o fattori sociali, non può permettersi gli esemplari più costosi: è l’obiettivo alla base di un “fenomeno” di produzione non nuovo, ma sicuramente cresciuto negli ultimi anni, e testimoniato dalla scelta di una serie di aziende indiane – tra cui il gruppo Gitanjali che prevede in tal senso una crescita di fatturato del 7-8%  – di proporre linee a prezzi accessibili grazie alla scelta di diamanti a basso costo (una media 500 rupie indiane, equivalenti a circa 10 dollari). L’idea è quella di conquistare una fetta di pubblico più giovane, come emerge da una notizia pubblicata in questi giorni dall’Economic Times.

In Italia questo fenomeno è già presente: dal 2006, per esempio, la J&D, Jewellery distribution, commercializza preziosi che montano diamanti con taglio Huit-Huit (più economico, usato su pietre piccole su cui non si esegue il taglio a brillante e può arrivare a 300 pezzi per carato). “Oggi il 70% dei nostri prodotti è in questo taglio – spiega il titolare Giovanni Vignolae ci consente di vendere micropavè molto apprezzati per l’effetto ma a un costo che si aggira, a carato, intorno alla metà. Quando ci siamo immessi sul mercato c’era ancora qualche resistenza, ma la risposta dei consumatori ha mostrato l’esistenza di una fascia di utenti che non vuole rinunciare alle pietre preziose. Ora stiamo promuovendo il taglio Rose, un tipo di taglio antico piatto e largo che regala l’apparenza di una pietra importante. È una tendenza di cui dobbiamo tenere conto in un momento particolare in cui c’è un ridotto potere di spesa”.

“È un fenomeno da guardare con interesse – commenta Paolo Cesari di Assogemmeperché in qualche modo rompe una sorta di schema, di pensiero dominante. Si tratta di proposte innovative che possono accogliere un nuovo bacino di utenza. Un basso costo per il diamante, che è considerato la pietra di maggior valore, è un’offerta interessante: certamente è importante anche dare le informazioni giuste. La purezza e l’origine “etica” delle pietre è uno dei punti su cui ci battiamo da più tempo. Quindi, sistemati questi aspetti, posso dire che il progetto di gioielli con diamanti a prezzi accessibili può contribuire a comunicare la cultura del gioiello”.


4 commenti

  1. NON SAPEVO NULLA DI VOI IN INDIA,AVETE UNA LISTA?
    DS
    DBG


  2. potete inviarmi una lista?
    ds
    dbg


  3. vendette diamanti sciolti?
    ds
    dbg


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *