di


Gianformaggio (Orafi Trapani): Con Google il corallo trapanese a pieno titolo nel Made in Italy

Presentato ieri il progetto realizzato con Unioncamere che nel portale dedicato alle eccellenze italiane ha incluso l’antica tradizione della cittadina siciliana

Da sinistra, Maria Di Graziano (Museo Pepoli), il presidente della Camera di Commercio di Trapani, Giuseppe Pace, Danilo Gianformaggio (Orafi Confcommercio) e Vincenzo Di Stefano (liceo artistico Ximenes)

“Il corallo trapanese è entrato a pieno titolo nel Made in Italy”: questo il commento di Danilo Gianformaggio, presidente dell’associazione orafi della Confcommercio di Trapani, durante la presentazione ufficiale del portale “Eccellenze in digitale”, iniziativa promossa da Unioncamere assieme alle Camere di commercio italiane. Nel portale delle eccellenze è presente anche il corallo trapanese: ad illustrare i dettagli del progetto, insieme a Gianformaggio, anche il presidente della Camera di Commercio di Trapani Giuseppe Pace.

“Per noi – ha spiegato il presidente degli orafi di Trapani – è molto importante mettere in connessione le imprese con un portale come Google. È un passo importante, considerata la visibilità internazionale del progetto. Abbiamo inserito le immagini più suggestive, oltre che diverse informazioni storiche, visto che parliamo di pezzi del 1500. È possibile anche fare degli ingrandimenti, cogliendone i dettagli”. Alla conferenza stampa di ier sono intervenuti anche Maria Di Graziano, in rappresentanza del Museo Pepoli, ed il professore Vincenzo Di Stefano, del liceo artistico “Ximenes”, che si è soffermato “sulle possibilità offerte dalle nuove tecnologie”.

Nel sito www.eccellenzeindigitale.it è possibile scoprire come utilizzare gli strumenti del web per il business: insieme all’Università Ca’ Foscari ed alla Fondazione Symbola sono state raccolte le esperienze di alcuni imprenditori in un percorso per sviluppare le competenze digitali e inoltre le aziende possono ricevere un supporto diretto sul territorio attraverso i “giovani digitalizzatori“. “Si tratta di un progetto importante – ha dichiarato il presidente Giuseppe Pace – per promuovere il territorio, con l’occhio rivolto alle nuove tecnologie.  Il nostro obiettivo è di incentivare sempre di più il turismo e questo portale va della giusta direzione, anche per quel che riguarda l’ingresso delle aziende nell’economia digitale. La piattaforma predisposta da Unioncamere fornisce infatti un supporto diretto per portare le imprese on line, diventando così più competitive ed a passo coi tempi”.

Al progetto hanno collaborato anche il direttore del Museo Pepoli Luigi Biondo, il dirigente scolastico del liceo artistico “Ximenes Buonarroti” Antonina Filingeri, Danilo Gianformaggio, Cristina Safina, presidente Terziario donna Confocommercio Trapani, e Giustino Angiuli, esperto in consulenza manageriale nell’ambito del sistema camerale.  “Come presidente del gruppo Terziario donna di Trapani – ha dichiarato Cristina Safina – non posso che apprezzare l’iniziativa della Camera di commercio, volta a promuovere il territorio attraverso uno dei suoi tesori, il corallo. Questo progetto ci mette a disposizione uno strumento fondamentale per la crescita delle nostre imprese, una finestra che si affaccia sul mondo e che ci permette di far conoscere la nostra Sicilia. Questa iniziativa rappresenta un punto di partenza per future iniziative promozionali che vedranno protagoniste le imprese di qualsiasi settore produttivo, perché un territorio che cresce è un bene per tutta la collettività”.

Una delle schede dedicate al corallo trapanese presenti sul portale di Google

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *