di


Fope presenta la semestrale e vola in borsa

La prima parte del 2017 si è chiusa in modo più che positivo per l’azienda orafa vicentina Fope, il cui amministratore delegato Diego Nardin a metà settembre ha presentato agli azionisti i dati al 30 giugno 2017.

Numeri che non possono che soddisfare il manager e la famiglia Cazzola, alla guida di Fope da quattro generazioni. L’impresa ha infatti registrato 13,5 milioni di ricavi netti, con un incremento del +22,2% sullo stesso periodo del 2016; un utile netto di 800 mila euro, che equivale ad un +300% rispetto ai 200mila di 12 mesi fa. E poi un Ebitda di 1,8 milioni (contro 700 mila euro), corrispondente a un Ebitda margin del 13,1% (6,4% nel primo semestre 2016) e un Ebit di 1,4 milioni, uno in più rispetto al valore del primo semestre 2016.

651BPAVE_GBR-651BPAVEW_G-min

 

 

In crescita anche il patrimonio netto, passato dai 9,6 milioni di fine 2016 a 10,1 milioni, mentre è sostanzialmente stabile la posizione finanziaria: 2,2 milioni (2,1 milioni al 31 dicembre 2016).

I dati non hanno mancato di influenzare il titolo, quotato in Aim Italia da dicembre, che nella settimana immediatamente seguente è passato da 4,5 a 7 euro (+55,5%), tanto da venire sospeso il venerdì per eccesso di rialzo (+33% in tre giorni) e il lunedì è salito ancora a 7,87, per poi scendere lievemente restando comunque più o meno stabilmente sopra i 6 euro.

TRIS 744B-min

 

«I ricavi sono cresciuti su tutti i mercati esteri, che per noi rappresentano l’83 per cento del fatturato e in particolare nei principali, cioè Regno Unito, Usa e Germania – spiega Nardin – ma anche in Italia, dove l’incremento è stato del 9% e il negozio di Venezia sta andando molto bene. Le nuove collezioni presentate a inizio anno hanno ottenuto dal mercato un ottimo riscontro, in particolare “Prima”, elegante evoluzione del caratteristico design di Fope, e la novità assoluta “Lady Fope”, collezione di 5 orologi gioiello. Risultati che consentono quindi di confermare le previsioni positive di chiusura dell’esercizio».

Fope_lady-fope-min

Oltre alle collezioni e alla ricerca tecnologica, però, il lavoro fatto riguarda anche la rete di vendita, che dopo la laguna si sta ampliando all’estero. «Abbiamo aperto quattro nuovi “Shop in shop” in Usa, Regno Unito e Danimarca – conclude Nardin – che sono corner personalizzati all’interno dei negozi. A breve inaugureremo il quinto a Londra, dove stiamo anche lavorando per avere un monomarca».

651CPAVE70‭_‬GB copia copia-min

 

www.fope.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA