di


Fondazione Altagamma ha un direttore generale: è Stefania Lazzaroni

Istituita la nuova figura manageriale nell’associazione che riunisce imprese simbolo del made in Italy; si occuperà di gestione e coordinamento delle attività

La Fondazione Altagamma aggiunge al proprio organigramma un direttore generale: il neo-ruolo sarà ricoperto da Stefania Lazzaroni, che lavorerà in forte sinergia con il presidente Andrea Illy e con lo storico segretario Armando Branchini, che da aprile è passato alla carica di vicepresidente della Fondazione con delega alle Relazioni istituzionali e a Studi e ricerche.

Un curriculum imponente nel campo della comunicazione: Stefania Lazzaroni è stata per oltre un anno direttore comunicazione e talent per il Sud Europa del network televisivo americano Discovery. Dopo aver mosso i primi passi in Burson-Marsteller, passata poi a MTV Italia come responsabile comunicazione, è stata direttore Comunicazione e public affairs del Sole 24 Ore e successivamente di Coca-Cola, oltre ad aver fondato una propria società, Nascent Communications, nel campo della comunicazione marketing, digitale e istituzionale.

Lazzaroni si occuperà della gestione e del coordinamento delle attività di Altagamma,associazione che dal 1992 riunisce le aziende più rappresentative del made in Italy in numerosi settori (moda, gioielleria, design): l’obiettivo è quello di dare nuovo impulso al sistema di imprese secondo le direttrici suggerite dal presidente Illy lo scorso aprile, quando è stato eletto al vertice del Consiglio di Amministrazione.

Con l’arrivo di Lazzaroni viene dunque introdotto in Altagamma il ruolo di direttore, che corrisponde in grandissima parte a quello di segretario – finora esercitato da Branchini – ma mette l’accento su una maggiore responsabilità di gestione, in un momento in cui tra le priorità indicate dal presidente Illy c’è l’esigenza di un’azione forte e coordinata del sistema italiano del lusso sia sui mercati internazionali sia per sollecitare una maggiore collaborazione da parte delle istituzioni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *