di


Finanziamenti a tasso zero per nuove imprese guidate da giovani e donne

Con la misura “Nuove imprese a tasso zero” del Ministero dello Sviluppo Economico tornano gli incentivi per le nuove imprese formate da giovani e/o donne.

Dal 13 gennaio sarà possibile presentare le domande sulla piattaforma dedicata presente sul sito www.invitalia.it.

Con questa misura sono state unite in un solo strumento le agevolazioni per l’imprenditoria femminile previste dalla Legge 215/92 e quelle per l’imprenditoria giovanile disciplinate dal D.Lgs. 185/2000, prima distinte ed ora unite in un solo strumento.

donne-e-lavoro

Rispetto al passato, vi sono due rilevanti novità :

  1. Le agevolazioni si applicano sull’intero territorio nazionale (fino ad oggi solo nelle aree svantaggiate);
  2. Il contributo a fondo perduto viene sostituito da un mutuo agevolato a tasso zero.

Le risorse a disposizione sono pari a 50 milioni di euro.

Vediamo ora a chi è destinata la misura, cosa si può finanziare e come presentare la domanda.

Chi può presentare domanda :  

  • Micro e piccole imprese (max 10 mil. Euro di fatturato e 50 dipendenti), costituite in forma societaria (sono escluse le ditte individuali). Le imprese devono essere costituite da non più di dodici mesi dalla data di presentazione della domanda. Le società devono essere composte, per oltre la metà numerica dei soci e delle quote, da persone di età compresa tra i diciotto e i trentacinque anni ovvero da donne di qualsiasi età.
  • Persone fisiche non ancora costituite in forma societaria, purché si impegnino a costituire la società entro quarantacinque giorni dalla data di comunicazione dell’ammissione al finanziamento.

impresetassozero2

Cosa può essere finanziato :

Iniziative attivabili su tutto il territorio nazionale ed in tutti i settori d’impresa, compresi Commercio ed Artigianato, eccetto le imprese agricole e della pesca.

Queste le spese ammissibili :

a) suolo aziendale, fabbricati, opere edili / murarie, comprese le ristrutturazioni, nel limite del 40% dell’investimento agevolabile (70% per il settore Turismo);

b) macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica;

c) programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione

d) brevetti, licenze e marchi;

e) formazione specialistica dei soci e dei dipendenti del soggetto beneficiario, funzionali alla realizzazione del programma;

f) consulenze specialistiche.

Attenzione : sono finanziabili solo le spese effettuate dopo la data di presentazione della domanda o dalla data di costituzione della società nel caso in cui la domanda sia presentata da persone fisiche.

Natura ed entità del  finanziamento

finanziamento agevolato a tasso zero, della durata massima di 8 anni, a copertura di non più del 75 per cento delle spese. L’investimento massimo ammissibile è di 1,5 milioni di euro; non c’è un limite minimo.

Come e quando si presenta la domanda : Le domande dovranno essere presentate a partire dal 13 gennaio tramite il sito www.invitalia.it; il format di domanda presente sul sito comprende un business plan analitico comprensivo di analisi economico-finanziaria.

Lo sportello telematico sarà chiuso con l’esaurimento delle risorse; perciò occorre preparare il business plan in anticipo ed inviare la domanda il prima possibile, dato che le richieste saranno ammesse secondo l’ordine cronologico.

imprenditoria-femminile-700x350-620x310

Criteri di ammissione :

le domande saranno esaminate ed ammesse secondo l’ordine cronologico, purché superino il punteggio minimo assegnato in base ai seguenti criteri :

a) adeguatezza e coerenza delle competenze possedute dai soci, per grado di istruzione e/o pregressa esperienza lavorativa, rispetto alla specifica attività prevista dal piano di impresa;

b) capacità dell’iniziativa di presidiare gli aspetti del processo tecnico-produttivo e organizzativo;

c) introduzione di soluzioni innovative sotto il profilo organizzativo, produttivo o commerciale;

d) potenzialità del mercato di riferimento, vantaggio competitivo dell’iniziativa proponente e relative strategie di marketing;

e) sostenibilità economica e finanziaria dell’iniziativa, con particolare riferimento all’equilibrio e alla coerenza nella composizione interna delle spese ammissibili.

csm_StartUp___Sergey_Nivens_-_Fotolia.com_09638d1119-720x380
Tempi di approvazione
:

  • Delibera di ammissione o respingimento : entro 60 giorni dalla presentazione della domanda.
  • Stipula del contratto di finanziamento :entro 60 giorni dalla delibera di ammissione
  • Erogazione :è possibile chiedere una anticipazione del 25%; il restante importo sarà erogato dietro presentazione dello stato di avanzamento lavori (SAL). Le erogazioni devono avvenire entro 60 giorni dalla richiesta dell’impresa.

Per ulteriori approfondimenti :  decreto MISE 8 luglio 2015 n. 140 e Circolare MISE del 9 ottobre 2015.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *