di


Fiera di Vicenza, soci favorevoli alla quotazione in Borsa

A breve verrà convocata un’ulteriore assemblea degli azionisti in cui si discuteranno modalità e linee strategiche dell’eventuale operazione

Fiera di Vicenza

Fiera di Vicenza, soci favorevoli alla prospettiva di quotazione a Piazza Affari. Durante l’assemblea degli azionistiComune, Provincia e Camera di commercio – tenutasi il 3 febbraio, come comunicato dalla stessa Fiera “il consiglio di amministrazione della società ha informato gli azionisti stessi della volontà, sostenuta da motivazioni strategiche ed economiche, di valutare un possibile percorso di quotazione alla Borsa valori di Milano. In tempi opportuni verrà convocata un’ulteriore assemblea dei soci in cui si discuteranno le modalità e le linee strategiche dell’eventuale processo di quotazione”.

Un processo dal quale sarebbe ormai esclusa Veronafiere, contrariamente a quanto ipotizzato in passato, quando la quotazione era vista come un passo successivo all’unione tra i due soggetti. Oggi, però, questo matrimonio sembra tutt’altro che vicino, l’ente scaligero non è ancora una spa e i tempi dettati dal decreto Madia sulla riforma della Pubblica amministrazione – partecipate incluse – dettano un’accelerazione.

Fiera di Vicenza, che ha chiuso il 2015 con un bilancio in utile e un fatturato salito da 32 a 35 milioni, dovrebbe probabilmente approdare al comparto Aim (Alternative investment market), mercato delle piccole e medie imprese.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Lebole secondo banner orizzontale