di


Fiera di Vicenza, il giudice scagiona Corrado Facco

Nessuna ingerenza del direttore generale della Spa nella gara d’appalto per la gestione degli stand: indagine archiviata

 

Nessun illecito nella gara per l’assegnazione della gestione degli stand in Fiera, che fu gestita in modo corretto: sono tutte cadute le ipotesi a carico di Corrado Facco, direttore generale di Fiera di Vicenza, e di tre titolari della Colorcom, società vicentina di allestimenti che aveva vinto la gara. Nessun illecito, dunque: come riportato in questi giorni da un quotidiano locale, alla richiesta di archiviazione avanzata dal procuratore Antonino Cappelleri ha fatto infatti seguito la firma del giudice in merito alle ipotesi di abuso d’ufficio, corruzione e associazione per delinquere.

Un esposto anonimo arrivato in Procura aveva fatto partire una perquisizione della Guardia di finanza: sotto la lente degli investigatori era finita una gara d’appalto con profilo di evidenza pubblica del 2014, alla quale erano state invitate a partecipare 12 aziende. Il Consiglio di amministrazione della Fiera aveva poi nominato una commissione interna per gestire tutti i servizi connessi all’appalto (gestione pluriennale con materiale a noleggio di spazi espositivi da destinare alle aziende durante le rassegne).

La prima selezione aveva lasciato in ballo la Colorcom e un’altra azienda partecipata di Fiera di Verona. Fu scelta la prima, che rispondeva al requisito di soluzioni innovative, senza che, peraltro, la seconda presentasse ricorso. Secondo l’esposto, Facco – che non faceva parte della commissione interna di Fiera di Vicenza – avrebbe avuto un ipotetico interesse nell’affidamento.

Chiusa anche l’indagine avviata dal nucleo di tutela della finanza pubblica della Tributaria vicentina in merito alle spese della Fiera. Soddisfazione è stata espressa da Matteo Marzotto, presidente della Fiera, che ha ricordato di non aver mai avuto alcun dubbio sull’integrità del direttore generale, che ha dichiarato: “Ho sempre avuto fiducia nella magistratura”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *