di


Ferragamo, stabili i ricavi e i margini

Ricavi a -0,7%, utile netto a +0,2: il Consiglio di Amministrazione dell’azienda approva il Resoconto Intermedio Consolidato di Gestione per i primi nove mesi del 2016

salvatore-ferragamo_boutique-compressor

Ricavi a -0,7%, utile netto a +0,2: si mantiene stabile la performance di Salvatore Ferragamo S.p.A. ( società a capo del Gruppo) nei primi 9 mesi del 2016. Il Consiglio di Amministrazione ha approvato il Resoconto Intermedio Consolidato di Gestione al 30 settembre: i ricavi si sono attestati sui 1.014 milioni di euro, sostanzialmente stabili (-0,7%) a tassi di cambio correnti e in flessione del 4,0% a tassi di cambio costanti, rispetto ai 1.021 milioni di euro registrati nei primi nove mesi dell’esercizio 2015.

Scendendo più nel dettaglio, nel terzo trimestre i ricavi sono stati 304 milioni di euro, in aumento del 1,7% rispetto all’analogo periodo del 2015 a tassi di cambio correnti e in diminuzione del 6,2% a cambi costanti. Il business retail ha riportato un andamento stabile (+0,1%) ma in miglioramento rispetto al -3,2% nei primi sei mesi del 2016, mentre il business wholesale, sempre nel terzo trimestre 2016, ha registrato una diminuzione del 18,6% (rispetto al -3,0% nei primi sei mesi).

Dal punto di vista geografico, l’area Europa ha registrato una diminuzione dei ricavi del 5%, nel corso dei primi nove mesi del 2016, penalizzata da un minore afflusso turistico. Nel solo terzo trimestre 2016, si è registrato un miglioramento del trend del business retail che ha riportato una diminuzione del 6% (rispetto al -11% nei primi sei mesi del 2016), mentre il business wholesale ha visto una contrazione del 12% (rispetto al +3% nei primi sei mesi del 2016).

Aumento dei ricavi del 3% in Nord America (-4% a tassi di cambio costanti2). Nel retail, nonostante la forza del dollaro americano, che ha negativamente impattato sui flussi turistici negli Stati Uniti, ha riportato una crescita del 11% nei primi nove mesi del 2016, mentre il business wholesale è sceso del 8%, anche a causa della difficile base di confronto (+17% nei primi nove mesi del 2015). L’area Asia Pacifico ha visto Ricavi stabili, con un miglioramento nel terzo trimestre del 2016 (+10%).  Continua a flettere Hong Kong.

L’area del Centro e Sud America, nel corso dei primi nove mesi del 2016, ha continuato la sua solida crescita, nonostante il significativo apprezzamento delle valute, riportando Ricavi in aumento del 4% a tassi di cambio correnti e del 13% a tassi di cambio costanti. Nel solo terzo trimestre 2016 i Ricavi sono saliti del 10% (+15% a tassi di cambio costanti).

Quanto ai canali distributivi bene il retail (Ricavi consolidati in aumento del 1% mentre il Wholesale ha registrato Ricavi in discesa del 4% (-7% a tassi di cambio costanti) rispetto ai primi nove mesi del 2015.  Tra le categorie di prodotto, le calzature hanno registrato le migliori performance con ricavi in aumento del 1% rispetto ai primi nove mesi del 2015, mentre le borse ed accessori in pelle hanno riportato una contrazione del 1% (a fronte di una difficile base di confronto, +11% nei primi nove mesi del 2015). I profumi hanno conseguito una diminuzione dei Ricavi del 3% nei primi nove mesi del 2016, ma un aumento del 3% nel solo terzo trimestre.

www.ferragamo.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *