di


Federpreziosi e Assocoral, la collaborazione si rafforza

Annunciato un protocollo d’intesa per sostenere il settore alla vigilia dell’incontro sulla tracciabilità e l’uso dei contanti, in calendario mercoledì a Torre del Greco

LOCANDINA TORRE DEL GRECO.pdf

Mancano due giorni all’incontro sulla tracciabilità e l’uso dei contanti nel settore orafo organizzato da Assocoral, in collaborazione con Federpreziosi Confcommercio e con il patrocinio del Comune di Torre del Greco, del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Torre Annunziata e di Fiera di Vicenza. Mercoledì pomeriggio al Circolo nautico della città in provincia di Napoli si discuterà dunque di come migliorare le esportazioni del settore attraverso un intervento mirato che preveda deroghe al limite dei contanti. Ma anche della sottoscrizione di un protocollo che rafforzerà la collaborazione tra le due organizzazioni. Tra i relatori, anche Corrado Facco, direttore generale di Fiera di Vicenza.

Convegno_Giuseppe_Aquilino“In un momento delicato per la domanda del mercato interno diventa più che mai importante essere in grado di non perdere alcuna opportunità di lavorare con quei mercati che già sono e che sempre più saranno destinatari privilegiati delle esportazioni italiane – spiega il presidente di Federpreziosi Giuseppe Aquilino (in foto a sinistra), che sarà tra i relatori dell’incontro -. Al di là delle ben note problematiche legate alla disposizioni legislative su tracciabilità e limitazione sull’uso dei contanti, da qualche tempo i nostri operatori grossisti ci segnalano la posizione di alcune banche in tema di operazioni con soggetti esteri, posizioni che mettono in seria difficoltà gli operatori del settore orafo”.

Convegno_Tommaso_Mazza“Il seminario – spiega il presidente di Assocoral Tommaso Mazza (a destra) – rientra nel quadro delle iniziative finalizzate alla tutela e alla valorizzazione del corallo, dei cammei e dei gioielli, in una prospettiva di rilancio socio-economico dell’intero comparto produttivo nazionale dei preziosi. Con questo incontro vogliamo discutere sulle possibilità di concessione di una deroga all’attuale limite legislativo del pagamento in contanti. Siamo convinti che qualche risultato possa essere ottenuto, considerando anche che già altri operatori (dettaglianti ed operatori del settore turistico), hanno raggiunto l’obiettivo presentato valide argomentazioni a difesa dei settori nei quali operano”.

Per quanto riguarda il commercio all’ingrosso di preziosi, il decreto “Salva Italia” del 2011 che ha ridotto da 2.500 a 1.000 la soglia dei pagamenti in contanti ignora alcune peculiarità del settore. Nell’attività di vendita all’ingrosso di oreficeria è una prassi abbastanza diffusa che gli operatori extra UE effettuino gli acquisti presso la sede del grossista con pagamento in contanti. E ciò avviene sia per la necessità del venditore di avere la certezza che il cliente effettui con rimessa diretta il pagamento della merce acquistata sia per la necessità del cliente di portare con sé la merce evitando costose e rischiose spedizioni.

“Parliamo di compra-vendita di beni facilmente trasportabili e di elevato valore – ricorda Mazza – che sono spesso già pronti per la consegna, molte volte acquistati su spinte “emozionali” e non con una programmazione specifica, come avviene per altri settori, da parte di operatori stranieri che entrano nel nostro Paese dichiarando regolarmente la valuta (max 10.000 Euro) e che intendono rientrare in sede con quanto acquistato”.

Per il rispetto dei limiti all’uso del contante previsti dal Decreto Legislativo 21 novembre 2007 n. 231 e successive modificazioni, il grossista procede all’incasso del contante a saldo della fornitura operando per il tramite di una banca che, ai fini delle norme antiriciclaggio, riconosce e censisce il cliente, accreditando successivamente sul conto corrente dell’operatore italiano. Dalle recenti segnalazioni di grossisti e produttori associati a Federpreziosi risulta che questa operatività, sin qui sempre garantita dalla banca, è stata sospesa negli ultimi mesi dalle direzioni centrali di alcuni Istituti di credito che rifiutano l’autorizzazione a tali operazioni fornendo risposte interlocutorie, tra cui quella di non essere interessati in quanto vengono considerate non remunerative e, inoltre, rivestono un carattere particolarmente delicato poiché in alcuni casi possono comportare, a loro dire, risvolti a carattere penale.

“Per Federpreziosi Confcommercio, come organizzazione di rappresentanza che riunisce anche produttori e distributori all’ingrosso – ribadisce il presidente Aquilino – è un preciso impegno intervenire affinché le problematiche trovino i giusti interlocutori e rapide soluzioni, offrendo il massimo supporto ad Assocoral, con la quale sottoscriveremo un protocollo d’intesa che sancirà l’ulteriore rafforzamento della nostra collaborazione”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *