di


Fatto a mano, la nuova mostra di Creativity Oggetti

Cinque collezioni esposte nella galleria torinese dal 14 maggio al 16 luglio: opere di Silvia Beccaria, Barbara Uderzo, Mirta Morigi, Enrica Campi e Massimo Voghera

Creativity Fatto a mano_04

Torna il tema del cibo e del nutrimento anche nel gioiello: sull’onda di “Nutrire il pianeta, Energia per la Vita”, il tema scelto per l’Expo Milano al via il prossimo primo maggio, lo spazio torinese Creativity Oggetti propone cinque nuove collezioni racchiuse, per la seconda edizione, sotto l’etichetta ironicamente cucita del “fatto a mano – made in italy”.

In mostra dal 14 maggio al 16 luglio, nella nuova sede di Via Carlo Alberto 40/f, nuove creazioni che celebrano l’origine e la vita, i frutti della terra, come fonte di energia vitale e nutrimento per il pianeta. Un nutrimento visivo che si presenta come galleria di gioielli e sculture all’insegna del “naturale” di cinque designer.

Creativity Fatto a mano_05

Con Silvia Beccaria prendono vita “TuttiFrutti”, le gorgiere già in uso nel Cinquecento, qui rivisitate in omaggio alla natura. Sempre natura da indossare negli anelli scultura di Barbara Uderzo, che contengono terra e ospitano piccole piante grasse da innaffiare con una goccia d’acqua ogni tanto. Le forme simboliche delle ciotole ideate da Mirta Morigi richiamano la luminosità dorata degli Ombelichi della Terra: concavità che si prestano ad essere anche lune che sovrintendono con il loro ciclo al pianeta terra, al germogliare, al riprodursi.

Creativity Fatto a mano_01

I vegetables sono invece il comune denominatore delle sculture di Enrica Campi e Massimo Voghera. La Scaramantica, donna con peperoncini, e i busti di donne con ortaggi dal titolo Minestre di Verdure di Enrica Campi dialogheranno con i personaggi di Massimo Voghera, nati dal gioco che vede abbinata la parola “testa” al mondo vegetale: Testa di Rapa, Zucca vuota, Teste d’Aglio, Sale in Zucca.

Creativity Fatto a mano_02

Un incontro a tema introdurrà la mostra giovedì 14 maggio (alle ore 21), sempre presso lo spazio espositivo: si discuterà de “L’Astratto”, nell’ambito del ciclo di incontri a cura di Luca Tripaldi: “Camminando sui cocci di Böttger – Dalle forme organiche ai volumi architettonici, cosa oggi gli artisti raccontano con la porcellana“. L’iscrizione è obbligatoria (inviare mail a Luca Tripaldi – [email protected]) e l’ingresso è gratuito.

Creativity Fatto a mano_03

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *