di


Ex centrale Piombino, al gruppo LVMH interessa come outlet

La struttura sarà dismessa a settembre: allo studio un progetto con il Ministero dell’Ambiente per la bonifica e la riconversione in centro commerciale di lusso

Bulgari

Gira con sempre più insistenza il nome del gruppo LVMH tra i possibili investitori interessati alla riconversione della ex centrale Enel di Piombino, in provincia di Livorno: il colosso francese del lusso Louis Vuitton Moët Hennessy, guidato da Bernard Arnault, infatti, secondo quanto svelato dal Sole 24 Ore, potrebbe scegliere l’area a due passi dal mare, che sarà dismessa a settembre, per farne un outlet dei suoi marchi tra i quali figurano Bulgari, De Beers, Chaumet, Tag Heuer e Hublot.

Per l’ex centrale Enel – uno dei 23 impianti a combustibile fossile in tutta Italia destinati a essere dismessi nei prossimi mesi – è allo studio da parte del Comune di Piombino e del ministero dell’Ambiente un progetto che prevede la realizzazione di un centro commerciale per la vendita di grandi firme della moda. E uno dei nomi in lizza sarebbe quello della holding francese che dirige cinquanta società, secondo Forbes la seconda potenza economica in Francia, la terza in Europa e la 13esima a livello mondiale.

Non se ne occuperebbe da solo, tra l’altro: secondo la stampa locale, il gruppo LVMH opererebbe in questa operazione con un altro gruppo, il cui nome è ancora top secret, che metterebbe la maggior parte dei 120-150 milioni necessari per l’intera operazione. Il progetto nelle grandi linee prevede prima di tutto la bonifica dell’area, il raddoppio della vicina oasi Wwf Orti Bottagone, la creazione di un laghetto al posto dei depositi di carburante con l’allestimento di un laboratorio ambientale permanente a disposizione delle scuole. E il mantenimento delle due ciminiere come punto di riferimento, perfette come simbolo del mall. Un progetto che, per essere realizzato, necessita di almeno tre anni. Per definirlo, e sciogliere il nodo delle bonifiche, è previsto un incontro al ministero dell’Ambiente nelle prossime settimane.

Centrale Piombino

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *