di


Europa, dopo cinque anni di declino la domanda interna dei beni di lusso è in ripresa

Report di Exane BNP Paribas sui commenti delle grandi maison alle rassegne di moda di Milano e Parigi: prevista una crescita significativa nel secondo semestre 2013

Potrebbe essere la vera sorpresa del 2013: la domanda interna di beni di lusso in Europa fa ben sperare per la seconda metà dell’anno. E’ quanto emerso da un’indagine condotta da Exane BNP Paribas durante le giornate della moda di Milano e Parigi. La domanda interna europea sembra dunque essere ‘in via di guarigione’ con una crescita anno su anno superiore a quella dei primi sei mesi, secondo la nota diffusa dalla società sulla base dei commenti e dei dirigenti delle aziende del lusso e della moda.

Nessuna lamentela, dunque, è stata registrata dai dirigenti intervistati: “un cambiamento importante in un mercato in declino per quasi cinque anni“, hanno commentato gli analisti di Exane BNP Paribas, facendo riferimento in particolare agli ultimi due anni e soprattutto all’Europa meridionale. “L’Europa potrebbe essere la più importante sorpresa positiva della seconda metà del 2013”, si legge ancora nella nota, che tiene conto della circostanza per cui l’aumento della spesa domestica farà da traino anche al boom di turisti stranieri che amano acquistare nel Vecchio Continente.

Tra le società chiamate a commentare il tema anche Prada, che ai broker di Exane  BNP Paribas ha raccontato di aver visto un inizio di ripresa in Europa e un rallentamento del calo delle vendite in Italia. Piuttosto volatile e irregolare la domanda cinese, invece, malgrado sia stata il motore di crescita degli ultimi anni. Buona la richiesta proveniente da Stati Uniti, forte quella giapponese.

Le analisi di Exane Bnp Paribas gettano periodicamente una luce sull’andamento dei beni di lusso: un report di due mesi fa ha previsto il raddoppiamento del mercato, entro il 2025, dai 170 mld di euro di oggi a 320 miliardi, grazie in particolare alla penetrazione nei mercati emergenti.


1 commento

  1. […] mercato interno, come è noto, è però in una fase di stallo. Quello europeo arranca (anche se una ricerca diffusa in questi giorni da Exane BNP Paribas evidenzia una ripresa del Vecchio Continen…) e quindi lo sguardo va rivolto altrove, all’estero, verso mercati tradizionali come gli […]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *