di


Editoriale: Eticità per la ricerca di una nuova coscienza

Sostenibilità, filiere garantite, eticità

Sono parole sempre più presenti nel nostro vocabolario ma che entreranno a far parte dei nostri comportamenti solo quando comprenderemo che l’equilibrio del mondo dipende unicamente dalle nostre azioni. Anche da quelle lavorative, forse principalmente da quelle. Purtroppo una produzione eco-friendly spesso si scontra con la non comprensione del problema e con alcune lacune legislative che confondono le idee. Ma allora qual è il modello da adottare perché si raggiungano concreti obiettivi di sviluppo sostenibile?

Bisogna essere partecipativi, dare un personale e costante contributo, a partire dalle piccole cose.

Servono azioni vere, dalla commercializzazione esclusivamente di prodotti “certificati” passando per l’utilizzo di packaging realizzati esclusivamente ed unicamente con materiali riciclati e riciclabili. Nastrini, brochure, shopper… tutto deve essere rispettoso dell’ambiente. Sono piccoli gesti che alla lunga sosterranno il nostro business ma anche la nostra qualità della vita.

Diamanti naturali e diamanti sintetici

Sempre rimanendo in tema di eticità e rispetto dell’ambiente il simbolo di un nuovo lusso ecologico e sostenibile è sicuramente il diamante sintetico. Una nuova opportunità/proposta commerciale ampiamente presente sui mercati internazionali che stenta ad approdare in quello nostro interno.

I motivi di tale reticenza sono individuabili in una mancanza di chiarezza e trasparenza che alimenta solo zone grigie a discapito del consumatore. In questo caso l’eticità ha un doppio valore: sia nel prodotto sia nella correttezza di chi lo propone. È fondamentale che tutti gli attori della filiera si rendano conto che è dannoso ed inutile un atteggiamento negazionistico, simile a quello già vissuto negli ultimi anni con il bijou/gioiello moda.


 

ETHICS IN PURSUIT OF A NEW CONSCIOUSNESS

Sustainability, guaranteed supply chains, ethics.

We find these words more and more present in our vocabulary, but they become part of our behaviour only when we understand that the balance of the world depends solely on our actions. Even from our working ones, maybe mainly from those. Unfortunately, an eco-friendly production often clashes with the lack of understanding the problem and with some legislative gaps that shed confusion on the ideas. So what model should be adopted to achieve concrete sustainable development goals?
We must participate, give a personal and constant contribution, starting from small things.
We need real action, starting with the exclusive marketing of “certified” products using packaging made exclusively and solely with recycled and recyclable materials. Ribbons, brochures, shoppers… everything must respect the environment. These are small gestures that will support our business but also our quality of life in the long run.

* * *

Natural diamonds and synthetic diamonds

Always in terms of ethics and a respect for the environment, the synthetic diamond, is surely the symbol of a new ecological and sustainable luxury. A new opportunity/commercial offer that is greatly present on international markets and is struggling to reach our domestic one. The reasons for this reticence can be found in a lack of clarity and transparency that only feeds grey areas to the detriment of the consumer. In this case, ethics has a double value: in the product and in the correctness of those offering it. It is essential that all the platters in the supply chain understand that a negationist attitude, similar to the one already experienced with the bijou/jewel fashion in recent years, is wrong and useless.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *