di


Entro fine anno a Panama l’hub latinoamericano per i gioielli e le pietre preziose

Il progetto sarà lanciato a marzo: il Panama Gem & Jewelry Center, che sarà zona franca, ospiterà la Borsa dei diamanti e un centro commerciale di preziosi e gemme

Sarà lanciato il 17 e 18 marzo con un evento ufficiale il Panama Gem & Jewelry Center, il primo centro di negoziazione di gioielli e pietre preziose del Sud e Centro America. Alla presenza di leader politici e del settore provenienti da tutto il mondo, tra cui il presidente della Repubblica di Panama Ricardo Martinelli, il Centro costituirà un hub fondamentale per l’intera America Latina. Il nucleo fondante della struttura sarà il Panama Diamond Exchange, la prima e unica Borsa del diamante dell’area istituita nel 2006.

Già avviata la costruzione relativamente alla prima fase del progetto costato oltre 200 milioni di dollari: una volta realizzato (il completamento è previsto per fine anno) consisterà in una struttura per il trading e gli uffici della Borsa del diamante, ma anche con numerosi spazi destinati alle imprese. La seconda fase del progetto prevede lo sviluppo di una torre grattacielo, dove i piani bassi ospiteranno gli uffici del PDE e un centro commerciale di gioielli, mentre ai piani superiori saranno sistemati gli uffici di società specializzate in diamanti, pietre preziose colorate, perle, metalli preziosi e gioielli, nonché fornitori di servizi.

Progettato da Ignacio Mallol, uno degli architetti più famosi dell’America Latina , il Panama Gem & Jewelry Center è stato sviluppato da Grupo Verde Azul e Grupo Los Pueblos, due delle principali società di sviluppo immobiliare e di gestione della regione. “Questo è un progetto di livello mondiale, che porrà Panama e l’America Latina in prima linea nell’industria di pietre preziose e gioielli – ha dichiarato Alberto Vallarino Clement, a capo del Grupo Verde Azul ed ex Ministro dell’Economia e delle Finanze della Repubblica di Panama -. Siamo lieti di essere parte di questa impresa, coerente con la nostra strategia nazionale per mettere Panama al centro degli affari delle Americhe”.

Il Centro ha infatti ricevuto il forte sostegno del governo e del parlamento. Per promuoverne l’istituzione come hub di trading primario del settore latino-americano, il parlamento panamense ha infatti recentemente approvato una normativa che riconosce l’area della struttura PDE come zona franca, dove i residenti non subiscono dazi doganali sulle merci scambiate all’interno del centro e sono esentati dal pagamento delle tasse societarie. Panama ha inoltre aderito al Kimberley process nel 2013.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *