di


E la storia Liverino continua

Pur essendo giovani restano vicino alle loro radici, e a chi si aspetta il classico rispondono con armonie in forte sintonia con le ultime tendenze. Dopo cento e più anni la Basilio Liverino è ora nelle mani delle sue nipoti, Mina e Natalia Ondeggia, due donne intraprendenti con in testa tante idee di novità che legano ad oro, platino, perle e coralli, proprio come è scritto nella loro storia di famiglia.

Le sorelle Ondeggia, insieme con la mamma Carmela Liverino – oggi al Centro Orafo Il Tarì di Marcianise -, fanno incontrare i propri motivi stilistici con l’ultimo glam facendo camminare fianco a fianco il passato con lo spirito moderno. Ogni loro gioiello è una bella occasione per assaporare l’essenza della mediterraneità e tracce di memorie orientaleggianti. Sono appassionate del loro lavoro ed ogni progetto ha una nuova bellezza, come il girocollo in cuoio dal quale pendono irruzioni di colore; o la polsiera in galuchat monocroma con cabochon di corallo in bella forma su montature di oro o di argento, e dello stesso metallo sono anche gli inserti verticali che regalano elasticità al bracciale.

Con grande discrezione all’interno è incisa la firma,una garanzia di classe e qualità. Con uno stacco di stile oggi lanciano qualcosa di grande poesia, un gioiello che racchiude tutto il fascino esotico del più sensuale dei fiori:l’orchidea. Niente di artificiale ma solo fiori veri che subiscono un trattamento speciale per mantenere eterna la loro bellezza. Accompagnati da perle e pietre dure montate in argento, questi fiori sbocciano in cornici di oro 18 kt per offrire il massimo dell’eleganza tra calda passionalità e gli splendidi colori che madre natura regala. Un gioiello nel gioiello per chi è in cerca della vera raffinatezza.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *