di


È il momento del rubino del Mozambico

Già era noto che molti uomini d’affari tailandesi avessero intrapreso relazioni molto intense in Mozambico stabilendo anche rapporti formali con le autorità dello stato africano.
Mai come in questi giorni però ho visto tanto materiale di assoluto interesse a Bangkok.
Caso curioso. Un amico, frequentatore abituale delle miniere di Montepuez mi accenna in mattinata di un grezzo eccellente comprato da un conoscente per un valore di circa 30.000 US$. Nel pomeriggio un solido ed affermato raccoglitore mi mostra un rubino di 26 carati e passa. Con ogni eventualità si tratta della gemma ricavata dal grezzo. Ho avuto la fortuna di fare qualche foto, purtroppo non ho avuto modo di usare il microscopio. La gemma appare ricavata da un cristallo eccezionalmente puro ai 10 ingrandimenti. Il taglio deve aver risposto, come ovvio, alla necessita’ assoluta di massimizzare il peso, in definitiva le proporzioni non risultano più sgradevoli di tante gemme di dimensioni inferiori offerte ogni giorno in Tailandia. Semmai la considerevole massa accentua inevitabilmente i toni cupi e la gemma, a voler proprio trovare un difetto, tende a saturare il rosso verso il granato.
Prezzo di richiesta? Pare oltre 100.000 US$ per carato. Ma a detta di molti si tratta di una vera rarità in odore di Guinness Book of records.


1 commento

  1. wonderful, is the biggest I see.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *