di


Domenica a Milano il Gioiello Day: momento d’oro per l’export dei preziosi lombardi

Commercio estero a +26% secondo il Servizio Studi della Camera di Commercio: più di metà verso la Svizzera, un decimo verso il Medio Oriente

Un dialogo diretto con il consumatore finale per scoprire i vantaggi della certificazione. È questo l’obiettivo dell’appuntamento annuale di Gioiello Day, evento promosso dalla Camera di Commercio di Milano aperto al pubblico che consente a tutti di conoscere il mondo della gioielleria made in Lombardia che, secondo gli ultimi dati dell’ente camerale, hanno vissuto un vero e proprio boom dell’export: +26% la domanda in un anno, centrali Svizzera e Medio Oriente.

Giunge domenica alla sua fase finale la quarta edizione dell’evento: dalle 9.30 alle 19 dodici imprese orafe presenteranno originali collezioni, con manufatti secondo l’antica tradizione orafa miscelata con l’innovazione, ma anche orologi. Palazzo Giureconsulti, in Piazza Mercanti 2 a Milano, aprirà le porte al pubblico per raccontare i segreti dell’arte orafa, delle pietre preziose e della gioielleria. L’evento si concluderà con un fashion show (su invito) che racconterà la storia delle creazioni del designer Giuseppe Patanè. In passerella 25 capi tra abiti da cocktail, da sera e sposa, testimonianze di un percorso creativo tutt’ora in piena ascesa. Ogni capo sarà impreziosito dai gioielli delle imprese espositrici: un evento nell’evento che vuole sottolineare l’importanza del connubio moda-gioielleria quale leva strategica per lo sviluppo del settore lusso Made in Italy.

Anche quest’anno, durante la giornata, sarà possibile far analizzare gratuitamente i propri preziosi di famiglia grazie alla presenza degli analisti di Cisgem (Divisione Innovazione di Innovhub SSI). Quattro le performance in programma domenica: “Gioielli in mostra”, esposizione di imprese orafe e di gioiellieri con punti vendita nel territorio di Milano e Provincia; “Vere, false o sintetiche?”, un gioco-test per imparare a riconoscere le pietre preziose; Mostra “I gioielli nell’antica Roma” e, a chiusura, la sfilata di abiti di Giuseppe Patanè con gioielli delle imprese lombarde espositrici.

Un momento della sfilata del 2011

E proprio il gioiello lombardo, come annuncia il Servizio Studi Camera di Commercio di Milano in occasione del Gioiello Day, piace sempre più sui mercati esteri: l’export registra il +26 per cento, ben oltre la media nazionale dell’8 per cento. Un comparto orafo-gioielliero composto da 4mila imprese (circa un ottavo del dato italiano), 11mila addetti e quasi 3 milioni di fatturato, e che vede sul podio Milano (con la metà delle imprese, circa 2mila) e Brescia, Bergamo e Varese che superano le 300 unità ciascuna. La Svizzera fa da traino a questo dato più che positivo, attraendo a sé circa la metà del commercio estero, seguita dal Medio Oriente che copre un decimo del totale. Resta stabile il settore in regione, + 0,1% in due anni, rispetto a ‐1,6% nazionale. Il commercio bilancia bene il lieve calo del manifatturiero: sono oltre 2.500 i negozi in Lombardia, circa la metà a Milano.


1 commento

  1. Sarei interessato a visitare la manifestazione?

    Grazie Bianchi Gaetano


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *