di


Diamanti in Angola, un potenziale da 1 miliardo di carati

Uno studio condotto da geologi angolani e russi nell’ambito di un accordo di cooperazione tra il gruppo Alrosa e la Endiama ha diviso il paese in quattro aree

Miniera-diamanti-compressor

L’Angola ha un potenziale diamantifero complessivo di oltre 1 miliardo di carati: emerge da uno studio condotto  da geologi angolani e russi nell’ambito di un accordo di cooperazione tra il gruppo minerario Alrosa e la società nazionale di diamanti del paese Endiama. Della cifra complessiva, più di 950 milioni sono kimberliti e almeno 50 milioni di materiale alluvionale, ha detto  a Luanda il vice direttore dell’Unità di esplorazione geologica del gruppo Alrosa Victor Ustinov, ripreso dall’agenzia di stampa Prensa Latina.

L’esperto ha anche aggiunto che il numero potrebbe arrivare a 1,5 miliardi di carati nel caso in cui fossero condotti ulteriori studi sul potenziale del paese. Lo studio ha permesso di dividere il territorio angolano in quattro aree con diverse potenzialità. I geologi hanno concluso che la maggior parte dei kimberliti scoperti nel paese si trovano nell’Angola nordorientale e appartengono ad un’area chiamata “territori aperti”, dove sono esposti all’aria e sono visibili. Nel 2016, sono stati estratti in Angola 9 milioni di carati di diamanti, di cui 7 nella miniera di Catoca.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *