di


De Simone Fratelli un’azienda, una famiglia

«Un’azienda che ha saputo coniugare innovazione e tradizione, apertura al mondo e appartenenza alla comunità»: c’è tutta l’anima della De Simone Fratelli nelle parole che hanno accompagnato l’iscrizione dell’azienda nel Registro delle Imprese storiche italiane istituito da Unioncamere in occasione del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia. L’accurato studio documentale che ha preceduto il prestigioso riconoscimento ha permesso di confermare con certezza che l’attività del fondatore Francesco De Simone era già una realtà nel 1855 e non solo a partire dal 1905.

Una storia centenaria che affonda dunque le proprie radici nel secolo romantico, resa reale dalla passione, dai viaggi e dall’impegno di una famiglia che ha fatto della creazione di pezzi unici una vocazione immutata nel giusto equilibrio tra tradizione e capacità di guardare al futuro. È la storia della De Simone Fratelli, impresa oggi guidata da Michele, Massimo e Fiammetta con la stessa passione del loro antenato: quel Francesco De Simone che nel 1855 fondò l’azienda, quando Torre del Greco, luogo d’elezione e ancora oggi sede della selezione delle migliori materie prime della produzione dei gioielli, era soltanto un piccolo paese di pescatori. Un legame forte con il territorio pronto però a confrontarsi con uno scenario internazionale già nel 1910 con l’apertura di un ufficio a New York e nel 1920 con quello londinese.

Segno di una grande apertura, tipica dei veri pionieri, ma allo stesso tempo con la dignità di riconoscere le proprie origini mai rinnegate. Origini che ancora oggi, grazie ai diretti discendenti del fondatore, si declinano in gioielli realizzati a mano il cui fil rouge sono ora i coralli, ora i cammei, ora le perle e i turchesi. Uno spirito di tempi lontani capace di condire 150 anni con la passione per la qualità.

Non è un caso, infatti, che l’azienda torrese – che oggi si fa riconoscere nelle due boutique monomarca di Ischia e di Milano – sia stata la “compagna” ideale di Alessandro Dall’Acqua durante la sfilata della sua collezione N.21 a Milano Moda Donna 2011.
Venti pezzi appositamente disegnati per avvicinarsi ad un’altra forma di Made in Italy che parla, come i gioielli De Simone Fratelli, il linguaggio dell’eleganza e della passione. Se quel sapore di tradizione così accudito dal 1855 non fosse ancora oggi più vivo che mai, l’accostamento con la moda contemporanea non avrebbe raggiunto l’esaltazione della bellezza che, invece, ha saputo portare in passerella.

Vicenzaoro Winter Padiglione G stand 1500


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *