di


D&D Diamonds: fiducia, competenza e responsabilità

Daniel Bassal: «È un mercato che si basa molto sulla fiducia e se non la ispiri non vai avanti».

Dal primo ufficio a Milano al mondo. È giunta alla terza generazione D&D Diamonds, fondata nel 1975 come “Morel Gems” da Moshe Bassal, affiancato quasi subito dai figli Eli e Ruben e da qualche anno attivi anche i nipoti David, Daniel e Netaly. Le iniziali dei due cugini nel 1991 hanno dato origine al nome D&D Diamonds, mentre Netaly (sorella di Daniel) ha creato ed è responsabile dell’ufficio alla borsa di Tel Aviv. L’azienda, specializzata nella vendita e nel commercio dei diamanti all’ingrosso, in particolare con clienti business, si è infatti ingrandita nei decenni, soprattutto grazie al lavoro della seconda generazione, come raccontano Daniel, figlio di Ruben, e David, figlio di Eli.

«Siamo un’azienda storica nata negli anni ’70, poi i nostri genitori l’hanno espansa – afferma quest’ultimo – partendo da un’offerta piccola l’hanno ampliata alle gemme di colore e al gioiello montato. Il punto di forza è stato mutare nel tempo, adeguandosi ai vari scenari di mercato nel corso degli anni. Gli altri sono i servizi e l’etica che in un campo come quello dei diamanti fa la differenza e permette, appunto, di crescere e durare nei decenni».

«È un mercato che si basa molto sulla fiducia – continua Daniel – e se non la ispiri non vai avanti. Se esistiamo da tanti anni è grazie al nome che ci siamo riusciti a creare in questo senso. Anche per questo abbiamo fornitori e clienti in tutta Europa, in Medio Oriente, un ufficio a Tel Aviv, uno in Belgio, uno a New York, dove lavoriamo molto, insomma un’esposizione globale. Il nostro ruolo è quello dei commercianti di una volta: avere la merce giusta, al momento giusto e nel posto giusto. Abbiamo la capacità logistica di arrivare a qualsiasi pietra, in ogni borsa e mercato mondiale».

L’azienda, infatti, è socia di Borsa diamanti di Milano e presente – appunto – anche ad Anversa e Tel Aviv, dove l’ufficio è gestito da Netaly, in un’ottica strettamente familiare.

Il prodotto di punta sono senza dubbio i diamanti, che comunque non sono gli unici. «Siamo specializzati soprattutto nella vendita di diamanti sciolti – spiegano i due cugini – e negli ultimi anni ci stiamo concentrando su pezzi con una caratura e un valore più alti. Il mercato è cambiato negli ultimi anni, il volume di affari è calato e la nostra strategia è stata quella di focalizzarci su vendite di volume più basso ma di maggiore importanza. Ma uno dei nostri punti di forza è proprio l’ampiezza dell’offerta, con diamanti bianchi, gialli, fancy e pietre di colore tutti rigorosamente naturali. Da due anni garantiamo che tutti i diamanti, anche i più piccoli, siano “Cvd checked”, cioè naturali». Questo anche in conseguenza del polverone suscitato dalla diffusione dei diamanti sintetici, che hanno influito finora soprattutto a livello di immagine. «Se ne è parlato tanto – sottolinea David – ma non se ne è ancora visto un impatto sul mercato. Quello che abbiamo notato è che molti fornitori si sono adeguati, dando queste garanzie, che sono poi quelle che diamo in allegato alla fattura».

La profonda conoscenza dei diamanti è alla base dell’attività di consulenza svolta, sebbene in minima parte, pure per i privati. «Siamo conosciuti per la nostra competenza sia nell’identificare le caratteristiche di un diamante che nel valutarlo e molta gente del settore, e non, si rivolge a noi per questo – racconta Daniel -. Anche in questo caso è fondamentale la fiducia. Lo stesso, però, vale per le pietre di colore, per le quali David è diplomato al Gia di New York».

I due cugini, entrambi laureati alla Bocconi, sono entrati in azienda dopo esperienze internazionali in altri campi e stanno cercando di imprimere un’ulteriore svolta, ampliando la clientela. «Il grande impulso all’azienda, a partire dall’internazionalizzazione, è stato dato dai nostri padri – concludono – Noi siamo entrati in azienda da quattro anni e stiamo cercando di aprire nuovi orizzonti. Abbiamo creato un sito internet e iniziato a partecipare alla Fiera di Vicenza anche come espositori, per farci conoscere da una clientela più vasta, di commercianti e negozi. In due anni abbiamo ottenuto ottimi risultati. Gli obiettivi futuri sono esporre anche a Baselworld e Hong Kong, dove di solito andiamo da visitatori, e ampliare il giro d’affari».

www.dddiamonds.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *