di


Dalla laguna veneziana al corpo: il legno protagonista dei monili Nalj Gioielli

Collane, ma anche bracciali e anelli per gli esemplari prodotti dall’azienda pugliese per Riva 1920 dagli scarti delle Briccole, i pali di quercia utilizzati per segnalare la bassa marea

L’arte del riciclo si unisce al design: così nascono i gioielli di Nalj Gioielli per Riva 1920, azienda specializzata in produzione di arredi e complementi in legno. Con gli scarti delle ‘Briccole’, i pali di quercia utilizzati nella laguna di Venezia per guidare le imbarcazioni e segnalare la bassa marea, il connubio tra l’azienda orafa di Polignano a Mare e Riva 1920 ha dato vita a una collezione unica.

Presentata a Lecce nell’ambito dell’evento ‘Natura Arte & Design‘, lo scorso 14 dicembre presso Parlangeli, lo storico punto vendita del mobile di antiquariato e contemporaneo, la produzione a base di Briccole ha registrato un grande successo e consolidato il legame che da tempo unisce le due aziende.

Collane, anelli, bracciali e orecchini (ma anche accessori come borse) sono stati realizzati sia con gli scarti dei pali veneziani, la cui conformazione è stata modificata in modo unico dall’acqua e dai molluschi, ma anche con il Kauri, il millenario legno fossile scoperto in Nuova Zelanda, con rovere, noce e cedro. Insieme a questi materiali naturali, anche metalli nobili come oro e argento, nonché pietre semipreziose e preziose (zirconi, onice, perle).

Ogni oggetto è un pezzo unico, e la lavorazione è interamente artigianale senza l’ausilio di macchinari. La mostra resterà aperta a Lecce sino a fine gennaio, per poi spostarsi nello show room RIVA1920 di Cantù.


2 commenti

  1. Milena splendore says:

    Originalissimi e raffinati.Apprezzabile l’idea del riciclo coniugata a tanto buon gusto. M.S.


  2. complimenti per la ricerca e lo stile


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *