di


Da White Street Market a WSM per il rilancio di Milano Moda Uomo

Durante la Fashion Week maschile milanese aprirà al pubblico, agli operatori di settore e a tutta la fashion crew, non tralasciando un focus sulla sostenibilità

A Milano la moda uomo corre sul B2c. WHITE STREET MARKET (in collaborazione con Confartigianato Imprese e Camera Nazionale della Moda Italiana e al supporto del Ministero dello Sviluppo Economico e ICE Agenzia) passa al secondo step di evoluzione del progetto di rilancio con WSMWHITE che, dal 15 al 17 giugno, nel distretto di Via Tortona, durante la Fashion Week maschile milanese, aprirà al pubblico, agli operatori di settore e a tutta la fashion crew non tralasciando un focus sulla sostenibilità: “buy less, choose well, make it last” ovvero “compra meno, scegli meglio e fallo durare”. Sostenibilità raccontata da Vivienne Westwood e da numerosissimi brand, da quelli che utilizzano gomme da masticare riciclate per creare suole di scarpe, a quelle che riciclano la plastica per i propri impermeabili come Maium.

Con l’obiettivo di valorizzazione il ruolo di Milano sulla scena internazionale delle fashion Week e rispondere competitivamente alle altre capitali della moda, protagonisti saranno i brand di ricerca, le piccole e medie imprese artigiane, le grandi case di moda e i giovani, punto di forza del progetto, preannunciando una kermesse fitta di happening, eventi, presentazioni, workshop, di cui 14 appuntamenti nell’area talk – a partire dal Fashion Force, talk incentrato sulla Moda come medium per il cambiamento sociale. Da sottolineare le connessioni al mondo sportswear, tra i player on stage Converse, che in nome della sostenibilità ha selezionato giovani creativi con due elementi in comune: Rinnovamento creativo ed eco-sostenibilità; Foot Locker; Fila.

Tra i fashion label, anche Wråd, Movitra, Vanta Design Studio, Fantabody, Human with attitude, Venividivici, Simon Cracker, Ottomondi, Enclave Monarchy.

Spazio anche ai vincitori dell’Italian Fashion Talent Awards, grazie alla collaborazione con Confartigianato Imprese e il presidente della sezione moda Fabio Pietrella e con il patron dell’evento milanese Massimiliano Bizzi, quest’anno i sei premiati nelle diverse categorie degli IFTA avranno a disposizione uno spazio collettivo a WSM. L’evento Italian Fashion Talent Awards Lab – IFTAlab 2019, nell’ambito del “Programma di iniziative per la promozione e la valorizzazione del Made in Italy prodotto in Campania 2018 2020”, si sposta a Milano in occasione della Fashion Week con le eccellenze moda campane e i sei migliori giovani stilisti vincitori degli IFTAwards 2018.

Il Superstudio Più si articolerà in Fashionreboot e GIVE A FOK-us Water mentre, all’Ex Ansaldo | BASE, la Camera Nazionale della Moda Italiana metterà a disposizione il proprio asset per il lancio di giovani brand internazionali molto attrattivi nel panorama del fashion business.

“Confartigianato continua a sostenere il progetto di rilancio della settimana Milano Moda Uomo con l’obiettivo di valorizzare l’eccellenza dell’artigianato italiano contemporaneo: un mix di tradizione manifatturiera, design, innovazione tecnologica capace di intercettare le nuove tendenze dei mercati internazionali. La tradizione, il saper fare, la creatività, il gusto il fatto su misura, sono le caratteristiche che rendono grandi nel mondo i prodotti delle imprese italiane a valore artigiano. I dati ce lo confermano: nel 2018 le esportazioni delle nostre micro e piccole imprese della moda valgono 52,7 miliardi di euro, con una crescita del 3,3% rispetto al 2017, un record rispetto a tutti gli altri settori” Ha dichiarato il Presidente della Confederazione Giorgio Merletti.

“Grazie a Confartigianato Imprese e al MISE ci viene permesso di continuare a sperimentare la nuova formula del B2B e B2C che, come successo per la design week, potrebbe essere la vera innovazione anche per la moda, che mostra evidenti necessità di cambiamenti strategici. Come anche la nuova filosofia della sostenibilità, gradualmente, potrebbe cambiare la percezione d’acquisto del consumatore.” Ha spiegato Massimiliano Bizzi, founder di WHITE.

Nei suoi 10mila mq, dopo il successo della passata edizione di gennaio al WSM si attendono ora oltre 15.000 visitatori.

www.whitestreetmarket.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA