di


Da Christie’s due rarità firmate Patek Philippe

Sono appartenuti al multimilionario e sportivo americano Henry Graves Jr., il cui stemma Graves compare sull'orologio

Si stima che sarà battuto all’asta tra i 3 ed i 5 milioni di franchi svizzeri. L’11 novembre Christie’s presenterà l’orologio da polso con ripetizione minuti tonneau in oro giallo firmato Patek Philippe, commissionato nel 1927, pezzo da novanta della prestigiosa collezione di 30 segnatempo della Maison ginevrina appartenuti al multimilionario e sportivo americano Henry Graves Jr., il cui stemma Graves compare sull’orologio.
Scomparso dalla vista di collezionisti ed intenditori di tutto il mondo per molti decenni, è stato scoperto solo nel 2012 nella tenuta del nipote di Graves, Reginald H. Fullerton Jr., e ad oggi è ritenuto il pezzo principale tra i primissimi orologi da polso Patek Philippe con ripetizione minuti e tra i più importanti orologi da collezione al mondo.
E sarà ancora Christie’s, ma stavolta a Hong Kong il 27 novembre, a battere all’asta un secondo pezzo esclusivo edito dalla stessa Manifattura, ad una cifra che potrebbe aggirarsi tra 7/14.000.000 dollari statunitensi. Si tratta del mitico orologio a doppia corona referenza 2523, realizzato nel 1953 e venduto alla Gobbi di Milano, noto rivenditore Patek Philippe, nel 1957. È tra i soli cinque esemplari in oro rosa referenza 2523 mai battuto all’asta e tra gli unici due pezzi con quadrante centralmente smaltato di blu traslucido, come confermato dagli archivi del marchio. Bellezza ed equilibrio del quadrante riflettono pienamente la macchinosità dei suoi meccanismi interni, tra cui l'”Heures Universelles“, indicazione mondiale delle ore progettata e brevettata nei primi anni ’30 dal leggendario orologiaio Louis Cottier. Unico anche nel portare la doppia firma di Patek Philippe e del prestigioso rivenditore milanese Gobbi.

www.patek.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *