di


Crotone, un bando per disegnare gioielli ispirati all’arte bizantina

L’evento “Quando la Calabria era Oriente” si svolgerà dal 7 al 9 dicembre: possono partecipare giovani allievi e  maestri orafi

Un evento per ripercorrere le tracce dell’arte bizantina nel sud Italia, espressa in particolare nei manufatti di oreficeria e gioielleria. È l’obiettivo del progetto “Quando la Calabria era Oriente. Crotone Bizantina”, che si svolgerà dal 7 al 9 dicembre ed è stato organizzato dalla cooperativa sociale Gettini di Vitalba con la collaborazione di Sette Soli, associazione culturale dell’archeologa Margherita Corrado.

Il meridione italiano ebbe intensi rapporti con Bisanzio per quasi cinque secoli e riscoprire e valorizzare queste relazioni è l’oggetto delle tre giornate di studio nell’ambito delle quali, presso la sala S. Veneranda di palazzo Berlingieri (nel centro storico di Crotone), ci sarà un seminario sulla civiltà bizantina con interventi di esperti del settore, tra cui la dott.ssa Corrado, ma anche la possibilità, per maestri orafi ma anche per giovani allievi, di proporre manufatti ispirati alla cultura orientale.

Per partecipare c’è tempo fino al 15 novembre, data di scadenza per la presentazione dei progetti ispirati ai canoni tecnici e iconografici dell’oreficeria del periodo che, una volta selezionati in base alla pertinenza, saranno poi esposti durante l’evento. Secondo il bando di ammissione, la mostra è riservata agli orafi e/o allievi di scuola orafa; le creazioni devono ispirarsi esclusivamente all’oreficeria bizantina; i materiali da utilizzarsi non devono essere necessariamente preziosi (costosi).

Il 7 dicembre ci sarà la premiazione destinata agli allievi: i lavori ammessi a partecipare saranno esposti nella sala S.Veneranda (ex chiesa) di palazzo Berlingieri, nei giorni 8 e 9 dicembre. Durante la tre giorni sarà inoltre possibile una visita virtuale al Museo “Melissa Palopoli” di Torretta di Crucoli (Crotone), che conserva il maggior numero di reperti proto-bizantini oggi visibile in Calabria, mediante una proiezione commentata.

“Non si tratta di una competizione – spiega Linda Monte, presidente della cooperativa Gettini di Vitalbama solo un tentativo di ripercorrere tracce troppo a lungo ignorate del nostro passato. La partecipazione è aperta a tutti, anche a giovani stranieri, europei e di ogni parte del mondo, per veicolare un’altra anima del Meridione che si aggiunge, senza sovrapporsi, a quella della più nota Magna Graecia”.


1 commento

  1. […] per disegnare gioielli ispirati al tema “Quando la Calabria era Oriente. Crotone Bizantina”, lanciato a settembre (c’è ancora qualche giorno di tempo per presentare […]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *