di


Coronavirus: i Compro oro chiedono di riaprire

Nunzio Ragno: "La nostra funzione è anche sociale e oggi ancora di più, perché tanta gente è in difficoltà, avendo perso il lavoro o essendo in cassa integrazione".

Compro oro_saracinesca

 

 

Riaprire i compro oro per aiutare le famiglie in difficoltà. È il messaggio lanciato da Nunzio Ragno, presidente di Antico, l’associazione che rappresenta queste attività, che in una nota ha sottolineato l’incongruenza tra lasciare operativi i banchi di pegni e la chiusura, appunto, dei compro oro. Una lotta iniziata praticamente con il primo provvedimento conseguente al Covid-19.

Già all’inizio i compro oro erano stati chiusi venendo considerati attività al dettaglio, mentre sono assimilabili ai grossisti, visto che vendono alle aziendesottolinea RagnoL’avevamo fatto notare ed eravamo riusciti a tenere aperto ancora, seppure brevemente. Poi, al momento della chiusura indifferenziata, sono state lasciate aperte solo le banche e le attività finanziarie, ma non i compro oro, che lo sono, visto che ritirano metallo prezioso erogando denaro“.

Un errore, secondo il presidente, soprattutto in un momento di difficoltà delle famiglie. “La nostra funzione è anche sociale – continua – e oggi ancora di più, perché tanta gente è in difficoltà, avendo perso il lavoro o essendo in cassa integrazione. La povertà aumenta, c’è chi minaccia di rubare nei supermercati e la nostra attività permette di evitare che, magari, finiscano nelle mani dell’usura. I banchi dei pegni non sono la stessa cosa, perché lo stesso oggetto viene valutato e pagato meno e chi lo porta deve affrontare spese bancarie, sobbarcarsi interessi per il ritiro e, se non può ripagarlo, alla fine lo perde comunque: chi ha bisogno viene strozzato».

Sul piano della sicurezza sanitaria, inoltre, secondo Ragno i compro oro sono già attrezzati. “Fermo restando le precauzioni che tutti devono adottare, come mascherine e guanti, i compro oro lavorano già con un cliente alla volta, dovendo garantire la riservatezza delle operazioni, e lo fanno attraverso una paratia di vetro o altro materiale, quindi tutte le condizioni sarebbero salvaguardate».

La lotta dell’associazione, insomma, continua. “Abbiamo già inviato diverse lettere al premier, al Mise e ai prefetticonclude Ragnoe ci siamo mossi anche attraverso l’Oam, l’organismo degli agenti e mediatori finanziari, presieduto dall’ex ministro Antonio Catricalà. Speriamo di essere inseriti nel primo scaglione di attività autorizzate a riaprire. Anche per il Governo, darci ascolto significherebbe avere meno problemi“.


3 commenti

  1. De Ninni Michele says:

    Giusto Presidente continuiamo ad insistere se no la gente andrà ( cioè va già ) dai Compro oro abusivi per strada che si trovano anche davanti alle code dai Monti dei spegni


    • Nello says:

      Confermo e proprio cosi , la gente e in difficolta e sono obbligati ad andare dagli strozzini che trovano in giro.


  2. Andrea errezeta says:

    Buongiorno signor presidente noi compro oro dobbiamo aprire per dare ai cittadini aiuti in onestà senza andare dai strozzini il 4 maggio 2020 dobbiamo aprire,poi non ćè da preoccuparsi per il covid/19 perché entra una persona alla volta come il banco pegni,e allora non vedo perché rimanere chiusi……


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *