di


Corallo e cammei patrimonio Unesco, Assocoral presenta la candidatura a Parigi

Ospiti all’Ambasciata italiana di Parigi con la manifestazione organizzata dall’Agenzia Ice: l’evento completato da una sfilata delle aziende orafe di Torre del Greco

Corallo_Unesco_Parigi_convegno-min
L’evento “Corallo – Le tresor rouge de Torre del Greco” a Parigi. Da sinistra, Tommaso Mazza, presidente Assocoral, la consulente dell’associazione e del comitato Francesca Vitelli e la storica dell’arte Caterina Ascione

Compiuto un altro importante passo verso la candidatura della “lavorazione artigianale del corallo e del cammeo di Torre del Greco” a patrimonio immateriale dell’Unesco: l’Assocoral è volata all’Ambasciata italiana di Parigi per presentare la proposta. L’evento dal titolo “Corallo – le trèsor rouge de Torre del Greco”, organizzata dall’ICE in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Parigi, è il nuovo tassello dell’impegno di Assocoral a sostegno della prestigiosa candidatura, un lavoro iniziato un anno fa e da allora sempre in progress.

La giornata del 12 aprile a Parigi ha visto, in mattinata, un seminario introdotto da Ugo Ciarlatani, Primo Consigliere Culturale all’Ambasciata d’Italia, Giovanni Sacchi Direttore Ufficio ICE di Parigi e Giacomo Barbato, Commissario Prefettizio di Torre del Greco che ha portato la testimonianza di una comunità, quella di una cittadina alle pendici del Vesuvio, che sostiene il progetto di candidatura poiché in essa riconosce la propria identità, la propria storia e la propria vita quotidiana. Presente l’Ambasciatore Francesco Caruso, consigliere del Presidente della Regione Campania, che ha espresso apprezzamento per il percorso intrapreso dall’Assocoral. A fare gli onori di casa, l’ambasciatrice Teresa Castaldo.

Corallo_Unesco_Parigi_Mazza-min
L’Ambasciatrice italiana a Parigi Teresa Castaldo e il presidente di Assocoral Tommaso Mazza

Un evento condito dalle relazioni del presidente di Assocoral e del Comitato Promotore, Tommaso Mazza, della consulente dell’associazione e del comitato Francesca Vitelli e della storica dell’arte Caterina Ascione hanno riscosso interesse e curiosità per un’arte che affonda le radici nel I secolo dopo Cristo.

Non potevano mancare video esplicativi e una performance dal vivo di un artista incisore di cammeo su conchiglia, Giovanni Ventresca, che hanno affascinato i partecipanti alla scoperta di un mondo fatto di storia, arte, mitologia, letteratura, dialogo interculturale, economia e identità condivisa. In mostra anche le opere in cammeo di conchiglia realizzate dagli allievi dell’Istituto statale “F.Degni” di Torre del Greco, guidati dai professori Ciro Mazza e Antonino Stilla: tutte le opere sono state donate all’Ambasciatore italiano Teresa Castaldo e ai partecipanti al cocktail serale.

Corallo_Unesco_Parigi_evento-min

La manifestazione si è conclusa con una sfilata curata dall’imprenditrice e membro di Assocoral Luigia Iacobelli: parure in corallo, cammeo e pietre preziose delle aziende Antonino De Simone, Aucella, De Simone Fratelli, Gennaro Borriello, Mattia Mazza, Mondial Coral – Rovian Gioielli Italiani, Ottaviano di Fabio Ottaviano, Cameo Italiano,  Grazia Mazza e Iacobelli si sono alternate sulla passerella in un crescendo di bellezza e creatività che fa del Made in Italy l’unicità ricercata nel mondo. Sullo sfondo, gli scatti d’autore del fotografo Renato Cerisola ambientati nelle aziende di Torre del Greco.

Dopo la prestigiosa tappa parigina, la proposta di candidatura continua il suo percorso lungo e complesso che si snoda attraverso un percorso tecnico e uno pubblico di divulgazione, condivisione e aggregazione. Tanti appuntamenti in calendario in Italia e all’estero nei prossimi mesi per “raccontare” una comunità, quella di Torre del Greco, che si è incamminata sulla strada della condivisione con l’Umanità di un’arte che da millenni vive alle pendici del Vesuvio.

www.assocoral.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *