di


Coraggio quotidiano

Di quando in quando, negli ultimi tempi, abbiamo espresso un cauto (cautissimo) ottimismo sull’andamento del settore, astraendolo dalla cosiddetta grande crisi. In buona sostanza abbiamo dato conto dei piccoli segnali che arrivavano dai mercati, dalle fiere, dalle riviste specializzate, da qualche blog serio (a nostro parere). Noterelle, appunti, nessuno sbilanciamento di qui o di là, un semplice invito a coltivare la fiducia. Nonostante tutto.
Sembra inutile sottolineare che queste sollecitazioni al piccolo coraggio quotidiano sono state pubblicate prima che lo spread diventasse parola comune. Dopo, anche avere fiducia è diventato un po’ più difficile. Ma ciascuno di noi può fare qualcosa perché la  “fase difficile” non diventi la “fase” impossibile”. Coraggio, si può fare! Alla faccia di chi ci ha accusato di eccessiva leggerezza (forse, chissà, non del tutto a torto).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *