di


Congresso Cibjo, quest’anno il primo Blue Book sul corallo

L’Assemblea annuale in calendario da lunedì a Salvador de Bahia presenterà il documento sull’oro rosso realizzato dalla apposita commissione guidata da Vincenzo Liverino

Corallo

Per la prima volta nella storia della Cibjo arriva il report di approfondimento sul corallo. Da lunedì in Congresso a Salvador de Bahia, in Brasile, la Confederazione mondiale della gioielleria presenterà il frutto del lavoro della commissione sul corallo, guidata dal torrese Vincenzo Liverino. Terminologia, regole, standard esistenti e auspicabili: questi i contenuti del Coral Book che si unisce a quelli sui diamanti, sulle perle, sulle gemme e sui metalli preziosi.

Il tema del corallo è sempre stato al centro dell’interesse della Cibjo, ma è solo dal 2012, quando il Congresso annuale si svolse a Vicenza, che è stato istituito un apposito gruppo di lavoro in seno all’organizzazione. L’iniziativa di istituire questo forum è arrivata dalle sollecitazioni di un significativo numero di produttori e rivenditori di gioielleria in corallo, convinti che i processi e le metodologie sviluppati in Cibjo per altri settori industriali potessero essere replicati anche per l’oro rosso.

Durante il suo primo anno di attività, il Gruppo di lavoro ha prodotto un documento di 38 pagine, che ha descritto quanto sia prezioso il corallo per l’industria, dove si trova, come viene raccolto e prodotto. Lo scorso anno il gruppo è diventato una vera e propria commissione (presieduta da Vincenzo Liverino e composta da membri dell’industria di tutto il mondo): il primo report ha fatto da base al Coral Book che sarà presentato tra pochi giorni in Brasile.

Vincenzo Liverino“Da lunedì il comitato direttivo si propone di raccogliere suggerimenti e contributi dai membri della Cibjo – spiega Liverino (in foto a sinistra) nel documento di presentazione – con l’intenzione di apportare gli ultimi ritocchi al Coral Blue Book, che sarà poi sottoposto per approvazione al Consiglio di Amministrazione  della Confederazione”. Il comitato direttivo ha inoltre fornito sostegno a un sito web informativo sul corallo sostenibile (www.sustainablecoral.org).

“Lo scopo della Coral Commission – prosegue Liverino – è quello di salvaguardare e sviluppare il commercio del corallo, e dei gioielli in corallo, attraverso lo sviluppo e la codificazione delle norme e degli standard che promuovono la fiducia dei consumatori e del commercio equo. Il Coral Blue Book sarà parte integrante di questo processo: è stato progettato per fornire conoscenza e per essere di supporto a tutti coloro che sono coinvolti nel commercio, registrando le pratiche commerciali accettate e la creazione di una nomenclatura standard valida in tutto il mondo”.

Il Blue Book descrive tutti i possibili trattamenti e le modalità con cui essi devono essere comunicati, allegando norme, termini e tabelle, per rendere la gestione della risorsa sostenibile e trasparente. Una risorsa preziosa: parlando al Pacific Precious Coral Forum a Taiwan, lo scorso anno, il presidente Cibjo Gaetano Cavalieri ha ribadito quanto l’industria e gli ambientalisti siano dalla stessa parte.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *