di


Conferito il Premio Torre Fornello Gioielli in Fermento 2012

Maura Biamonti – anello “Chi vuol esser lieto sia” – oro onice e granato

Nella tenuta di Torre Fornello, a Piacenza, lo scorso 22 aprile si è rinnovato l’appuntamento con Gioielli in Fermento, edizione 2012, realizzato in collaborazione con l’Agc – Associazione Gioiello Contemporaneo, e coordinato da Enrico Sgorbati proprietario dell’azienda. L’occasione è stata l’inaugurazione dell’esposizione di gioielli d’autore “Gioielli in Fermento 2012 – La Vigna delle Arti” che si è svolta in un clima festoso tra le eccellenze vinicole (in particolar modo malvasia e gutturnio) e opere d’arte orafa. Ospite d’eccezione Gualtiero Marchesi. La giuria, composta da Maria Rosa Franzin, Giulio Manfredi, Carlo Giuseppe Valli e Graziano Visintin ha conferito il Premio Torre Fornello Gioielli in fermento 2012 a: Maura Biamonti (Antibes, Francia) per l’allegria e l’ironia nell’elaborazione dell’opera “Chi vuol esser lieto sia…” (anello oro onice e granato) e a Annamaria Iodice (Bassano del Grappa, Vicenza) per l’opera “Melancholia” (collana carta, tecnica mista). Due menzioni speciali sono andate a Corrado De Meo (Livorno) con l’opera “Bianco, Rosso”(spille argento, ossidi, legno, foglia d’oro acrilici) per l’essenzialità e la sintesi, e a Alessandro Petrolati (Senigallia, Ancona) con “Trittico: Sinsal Donna Luigia Pratobianco” (spielle legno di rovere, argento, oro, acrilici) per l’aspetto compositivo e lo studio progettuale.

La mostra Gioielli in fermento proseguirà fino al 26 maggio ed é visitabile da lunedi a sabato dalle ore 10,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle18,00 e domenica per appuntamento dalle 10,00 alle 19,00.

Il Catalogo della mostra, curato da Eliana Negroni, é disponibile in sede.

A seguire le opere che hanno preso parte al concorso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


1 commento

  1. Trovo molto interessanti le proposte dei designer che hanno partecipato a questo concorso.
    La contaminazione tra i materiali trasforma i gioielli in opere che comunicano il messaggio, andando al di là del puro scopo ornamentale e commerciale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *