di


Confartigianato Macerata, laboratori orafi in strada

Laboratori orafi in strada e una mostra di gioielli: torna 4 e domenica 5 dicembre l’evento itinerante organizzato dal gruppo Orafi di Confartigianato Imprese Macerata in collaborazione con l’Università di Macerata, l’istituto d’Arte di Macerata Cantalamessa e la Camera di Commercio territoriale. Nella splendida cornice di piazza della Libertà (adiacente al teatro Lauro Rossi) sarà così possibile assistere dal vivo alla “nascita di un gioiello”, dal taglio delle gemme all’incisione del metallo. Il comparto orafo delle Marche conta infatti quasi 400 laboratori orafi (di cui circa 120 ad Ascoli Piceno, 100 a Pesaro, 80 a Macerata e 95 ad Ancona).

Finalità dell’iniziativa, ricreare un interesse nei confronti del lavoro dell’orafo che soffre della mancanza di ricambio generazionale. Nel corso dell’evento si potrà così vedere come un monile viene ideato (grazie alla presenza di un designer) e come viene costruito: il pubblico potrà osservare da vicino il lavoro dell’incisore, dell’incastonatore, del tagliatore di pietre, le tecniche da banchetto, cerista e fusione.

In particolare, la giornata di sabato mattina 4 dicembre sarà dedicata alle scuole: i laboratori saranno visitati da scolaresche ed accompagnate nella visione e spiegazione delle varie fasi di lavorazione dell’oro e delle pietre. Saranno organizzati inoltre percorsi guidati dove tutti i visitatori avranno la possibilità di valutare quanto lavoro e quanta maestria sia insita negli oggetti creati da un artigiano, carpendo così la differenza tra un gioiello “ massificato” ed un gioiello unico ed irripetibile.

Al termine del percorso si potrà ammirare una mostra di gioielli, solo pezzi unici, posizionati in apposite bacheche: ciascun orafo esporrà le proprie creazioni in base alla propria storia e alle proprie competenze specifiche. All’interno dei locali che ospitano la “performance” sarà adibita inoltre una mostra di minerali grezzi, con la presenza di un esperto in gemmologia.

«Abbiamo tre obiettivi per questa terza edizione – spiega il responsabile del gruppo orafi di Confartigianato Macerata, Paolo Capponi -: il primo è certamente valorizzare il gioiello artigianale, dietro il quale c’è tanto lavoro e altrettanta poesia. Il secondo è incentivare i giovani di talento ad intraprendere questa strada, perciò siamo a stretto contatto con le scuole. Infine, grazie all’impronta “itinerante” dell’evento, facciamo conoscere al pubblico dei posti meravigliosi del nostro territorio».


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *