di


Compro oro, la Regione Puglia va avanti nella battaglia per regolamentare il settore

Ieri l’incontro con Federpreziosi e le Camere di Commercio. Giuseppe Aquilino: “Necessario un intervento normativo, senza il quale si penalizza chi agisce correttamente”

Tracciabilità, trasparenza e chiarezza per il mercato e i consumatori: la Regione Puglia, che a inizio anno ha lanciato un tavolo di confronto con gli operatori del settore per una regolamentazione dei Compro Oro, prosegue la sua battaglia nei confronti del vuoto normativo e dei profili di illegalità legate ad una parte di queste attività. Ieri l’incontro tra il governatore Onofrio Introna e il presidente nazionale di Federpreziosi Confcommercio Giuseppe Aquilino, il direttore Steven Tranquilli e il presidente di Unioncamere Puglia Alessandro Ambrosi per stilare il calendario di iniziative in calendario nei prossimi mesi. Prossimo confronto, a fine mese.

“Non si tratta di vietare le attività di Compro Oro, ma di indurre a comportamenti corretti e arginare comunque pubblicità di cattivo gusto, esagerate, che inducono in errore. Alcune norme già esistono – ha osservato Introna – occorre aggiungere qualche parametro a quelli
che già ci sono e sollecitarne il puntuale rispetto”. Quindi, più trasparenza e regolarità documentale: tracciabilità, innanzitutto, per verificare la provenienza tanto dei preziosi quanto del denaro offerto in cambio: da portare avanti anche il divieto di operare pagamenti in contanti.

E’ necessario un intervento urgente che sia risolutivo di quegli aspetti del commercio di oro e preziosi penalizzanti per gli operatori che agiscono correttamente – ha dichiarato Giuseppe Aquilino dopo l’incontro di ieri in Regione, per tutelare i consumatori, e per arginare i fenomeni di illegalità che quotidianamente denunciamo. I disegni di legge attualmente presentati e in discussione al Senato e alla Camera in materia di riforma del commercio di oro e di tracciabilità saranno oggetto di un confronto – aperto a tutti gli operatori coinvolti a vario titolo – che terremo, in collaborazione con Confindustria Federorafi e Fiera di Vicenza Spa, il 19 Gennaio prossimo in occasione di VicenzaOro, la più importante manifestazione orafa internazionale”.

Giuseppe Aquilino si è dichiarato particolarmente soddisfatto dell’approfondito esame di tutte le problematiche che è stato possibile fare nel corso dell’incontro e della possibilità emersa di studiare interventi legislativi da parte della Regione Puglia, in base a un documento che verrà messo a punto dei tecnici della Regione stessa in collaborazione con i vertici di Federpreziosi: la tracciabilità sia degli oggetti che dei pagamenti avrà la priorità assoluta.

Intanto, martedì prossimo, 14 gennaio, il presidente della Regione Puglia incontrerà l’Associazione nazionale Tutela i Compro Oro (ANTICO), per approfondire l’argomento con i rappresentanti degli esercizi commerciali.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *