di


Clima positivo al Silmo Paris: 34mila i visitatori

La fiera francese dell’occhialeria chiude nel segno della tecnologia con proposte di personalizzazione, supporti per i non vedenti e punti vendita digitalizzati

silmo-paris_occhiali_chiusura

Si è svolta in un clima molto positivo l’ultima edizione di Silmo Paris, la fiera francese dell’ottica e dell’occhialeria che ha accolto 33.771 visitatori di cui il 56,5% provenienti dall’estero e il 43,5% dalla Francia, dimostrando la sua capacità attrattiva per tutti i soggetti coinvolti nel settore. Nei quattro giorni di fiera, i corridoi sono stati affollati da stand vivaci e compratori interessati ai prodotti, molti dei quali ideati nel segno della tecnologia.

Piattaforma di lancio per decine di marchi e collezioni, ma anche un luogo per esplorare le innovazioni, la rassegna ha presentato le tecnologie e le tendenze future. Punti focali della manifestazione, personalizzazione, supporti per i non vedenti e punti vendita digitalizzati.

La personalizzazione è un problema chiave, indipendentemente dal prodotto: nel settore dell’ottica, il MOF (Meilleurs Ouvriers de France) hanno dimostrato grandi capacità nel lavorare con il corno e acetato, assistiti dalle nuove tecnologie come il CAD. Per esempio NETLOOKS (vincitore del premio Silmo d’Or 2016, categoria Materiale/Equipment) ha sviluppato un software 3D che garantisce un prodotto su misura: una scansione digitale del volto di chi lo indossa è effettuata con un sistema ottico che crea un avatar catturando migliaia di dati; poi si crea una cornice personalizzata scorrendo migliaia di combinazioni di volti, montature, colori, modelli, dopo di che gli occhiali sono prodotti in acetato in modo tradizionale in un laboratorio della regione Giura in due settimane.

silmo-paris_occhiali_chiusura2

Ampio spazio dedicato al campo dell’ipovisione: per esempio Visiole, specialista in Braille e in prodotti low vision per le persone non vedenti, ha creato GoVison (premio Silmo d’Or 2016), un ingranditore TV a comando vocale ergonomico e facile da usare. Al Silmo presente anche un’area dedicata alle soluzioni digitali che creano una nuova brand experience, migliorando il cross-channel e il rapporto interattivo cliente-ottico.

Oltre 1.200 marchi, presentati anche attraverso Pop-Up Stores – The Collectionist e The Selectionist – focalizzati intorno a cinque temi principali. I premi Silmo D’Or hanno mostrato la capacità di combinare competenze tecniche e creatività; spazio all’aggiornamento professionale con la Silmo Academy: tre giorni di approfondimenti con esperti del settore. La settima edizione dell’Academy ha stanziato la prima borsa di studio di 10mila euro destinata al laboratorio di neuroscienze IrIS attivo nell’ambito del Cnrs alla Paris Descartes University.

L’appuntamento con la prossima edizione è dal 6 al 9 ottobre 2017: tra un anno Silmo festeggerà il suo 50esimo anniversario, in cui l’attenzione sarà concentrata sul rinnovamento, migliorando l’appeal per ospitare le migliori tendenze e le innovazioni del settore, insieme con i migliori marchi e aziende.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *