di


Chiude Vicenzaoro Spring con un bilancio stabile di visitatori: 9mila gli ingressi al Salone

L’edizione di maggio conclusa ieri ha visto una contrazione delle presenze dalla zona Ue, forti l’area del Golfo e il Sud Africa

Si è conclusa ieri con un bilancio di 9mila visitatori, in linea con l’edizione di maggio 2011, Vicenzaoro Spring, l’appuntamento primaverile di Fiera di Vicenza con il mondo dell’oreferia e della gioielleria. Nello scenario internazionale complesso in cui ci si muove in questi mesi, l’evento veneto conferma il trend di mercato, attirando a sé contenuti di alto profilo. Attenzione potenziata dalla concomitanza, a Vicenza, del World Jewellery Forum, format di Fiera di Vicenza che ha riunito per la prima volta nella città del Palladio i meeting di World Diamond Council e Cibjo, la Confederazione internazionale della gioielleria.

World Jewellery Forum a Vicenza - [email protected]

Circa 1300 le aziende espositrici provenienti da tutti i distretti del made in Italy e da 30 paesi esteri: in sostanziale tenuta la presenza degli operatori provenienti dall’estero, anche se si è registrata una contenuta contrazione dalla zona UE, in particolare dai paesi che più stanno risentendo della delicata congiuntura economica attuale. Riprendono quota le economie che afferiscono al bacino del Mediterraneo e dall’aerea del Golfo e sostanzialmente in linea con le aspettative il coinvolgimento di buyers dai Paesi BRICS. Anche gli Stati Uniti, dopo qualche anno di “assenza”, hanno evidenziato un rinnovato interesse per le collezioni presentate a Vicenza così come una crescita si è registrata per il Sud Africa. I buyers provenienti dall’Europa centro-orientale hanno mantenuto un atteggiamento di lieve diffidenza. Il mercato interno ha invece ulteriormente evidenziato una debolezza della domanda che viene confermata dal crollo degli indici di fiducia del consumatore rispetto alla propensione d’acquisto nell’attuale scenario economico.

Fiera di Vicenza - Ingresso Ovest

Vicenza, dunque, si conferma capitale globale dell’oro, con maison come Van Cleef & Arpels, Cartier e Dodo tra le premiate agli Andrea Palladio International Jewellery Awards, presieduti da un testimonial di fama internazionale come il Maestro Gianmaria Buccellati e la presenza di Niky Oppenheimer Presidente della De Beers. “Mi compiaccio perché in Fiera a Vicenza – ha dichiarato il Maestro Buccellati – ho visto molte idee nuove e di grande valore proposte da giovani designer, alcune delle quali sono bellissime. Il lusso è intriseco all’abilità di chi lo fa”.

Il dibattito sulla Corporate Social Responsibility nell’ambito del World Jewellery Forum si è arricchito con le testimonianze di Eli Izhakoff, presidente del World Diamond Council, Gaetano Cavalieri, presidente del CIBJO, l’Ambasciatrice USA Gillian Milovanovic, Amal Medani di Unitar Organismo delle Nazioni Unite, Susan Shabangu Ministro delle Risorse Minerarie del Sud Africa, e Michael Hayman, Chief Communication Advisor del Primo Ministro inglese David Cameron e Co-Founder Seven Hills. “Il bilancio delle giornate di Vicenzaoro è ottimo – ha detto Jocelyn Fenard, responsabile delle risorse di UNITAR, organismo delle Nazioni Unite per la formazione e la ricerca -: il prossimo passaggio sarà quello di lavorare con Fiera di Vicenza per avere un centro di informazione e formazione dedicato a questi temi magari proprio nella capitale internazionale dell’oreficeria”.

Fiera di Vicenza - area Trend Vision

La creatività ha trovato spazio nell’iconico Trend Vision Jewellery + Forecasting, l’Osservatorio indipendente sulle tendenze del gioiello, creando una linea guida teorica delle realtà che i concept store e le boutique del luxury adotteranno nei prossimi mesi: 8 mega trend dei principali mercati del mondo che hanno riscosso la copiosa attenzione di buyers e produttori sui must have delle stagioni a venire. Dall’eccesso orientaleggiante alla natura, l’Osservatorio ha tracciato le linee guida delle prossime stagioni, individuando anche le aziende pioniere di questi trend e esponendo le loro creazioni nell’area dedicata, accanto all’ingresso Ovest della Fiera.

Altra grande opportunità per i giovani progettisti si è declinata nel Next Jeneration – Jewellery Talent Contest 2012, concorso internazionale che ha accolto le creazioni di oltre 200 designer under 30 delle 20 più prestigiose scuole di design italiane ed internazionali che si sono sfidati sul tema Souvenir d’Italie. Tre i premi assegnati a tre giovani donne (due italiane e una francese) che hanno stupito la prestigiosa giuria con creazioni innovative e ispirate al Belpaese.

Fiera di Vicenza - Next Jeneration Contest

Durante Vicenzaoro Spring Fiera di Vicenza ha anche siglato un accordo di partnership con il Dubai World Trade Centre. In qualità di rappresentante esclusivo per l’Europa e l’Italia, Fiera di Vicenza mette a frutto le sue capacità di relazione, il know how nel luxury, l’innovazione dei suoi format espositivi. “L’alleanza strategica fra Fiera di Vicenza e Dubai World Trade Centre – ha detto Trixee Loah, Senior Vice President di DWTC – incrementerà la visibilità e potenzierà le opportunità commerciali e di business tanto per i produttori quanto per i potenziali acquirenti di oro e gioielli in due dei mercati mondiali più attivi nel segmento lusso, l’Europa e il Middle East”.

“Fiera di Vicenza è in prima fila con la filiera dell’oreficeria e gioielleria italiana – ha affermato il presidente della Spa Roberto Ditrie mette a disposizione la sua esperienza e competenza per sostenere lo sforzo delle imprese e degli operatori. Nel 2012 andremo ancora a Las Vegas e a Dubai, a Cortina d’Ampezzo per VICENZAORO About J e chiuderemo la stagione commerciale con Vicenzaoro Fall a settembre. Stiamo già tracciando il 2013, il 2014 e il 2015, nelle direzioni che il progetto strategico FDV 2011/15 ha delineato, rispettando la nostra tabella di marcia, con un quartiere fieristico che alla fine del 2013 tornerà agli espositori, agli operatori, ampliato di ben 15 mila metri quadrati, con nuove strutture, nuovi servizi, nuovi programmi e nuovi progetti”.

“Vicenzaoro Spring pur nella difficoltà dell’attuale congiuntura mondiale – ha dichiarato il Direttore Generale Corrado Faccoha dimostrato che la competenza di Fiera di Vicenza è sapersi muovere nel mondo e modulare un’offerta che abbia una progettualità e sia punto di riferimento innovativo. Abbiamo creato un’interconnessione globale a tutto tondo con i mercati, proponendo Fiera di Vicenza quale piattaforma internazionale che è networking di business e anche luogo del pensiero e del saper fare”.


1 commento

  1. […] partecipazione all’evento è frutto della partnership con il Dubai World Trade Centre che Fiera di Vicenza ha siglato durante Vicenzaoro Spring e che la rende interlocutore esclusivo in […]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *