di


Chimet, contributi ad aziende ad alto valore sociale

Presentate oltre 150 domande: tra queste, la ristrutturazione di un centro anziani e un progetto di musicoterapia nel reparto di neonatologia dell’ospedale di Arezzo

Chimet Arezzo-min

La volontà di promuovere il territorio e al contempo quella di porsi come punto di riferimento di progetti sociali e culturali: questi gli obiettivi dell’iniziativa di Chimet – specializzata in affinazione dell’oro e degli altri metalli preziosi – ideata per l’erogazione dei contributi a sfondo liberale destinati allo sviluppo del territorio. Si è giunti alla fase finale di “ChimetConTe” per dare sostegno a progetti dall’alto valore sociale, assistenza a favore di anziani, di famiglie disagiate, di persone con mobilità ridotta, del mondo della scuola, così come a iniziative culturali, a sfondo ricreativo e sportivo.

Queste le tipologie di idee che hanno ricevuto il sostegno di Chimet, grazie al bando per contributi ChimetConTe, unico nel suo genere lanciato da parte di un’azienda. Tra le 150 richieste arrivate a Chimet, un valore importante è stato dato alla territorialità, che ha portato a premiare molte iniziative locali. “Con Chimet vogliamo rappresentare sempre più un valore aggiunto per il territorio dove viviamo e lavoriamo tutti i giorni e questo bando si è rivelato lo strumento giusto – spiegano in azienda -. Per questo abbiamo scelto tra gli interventi più consistenti la Scuola media di Badia al Pino, dove verrà realizzato un laboratorio digitale, poi il centro anziani di Pieve al Toppo, che verrà ristrutturato, il restauro del Polittico di Pietro Lorenzetti presso la Pieve di S. Maria ad Arezzo, la partecipazione alla realizzazione del progetto di musico terapia presso il reparto di neonatologia dell’ospedale S. Donato di Arezzo”.

Le 150 richieste di contributo hanno riguardato progetti il cui valore totale si aggira intorno ai 6 milioni. Sono arrivate da vari comuni delle quattro vallate aretine, ma anche da fuori provincia. In aggiunta, Chimet ha accolto anche le richieste di contributi per altri 50 progetti per un totale di 250mila euro. Nello stesso periodo l’azienda ha scelto di aderire, con un importante contributo extra, rispetto al budget del bando ChimetConTe, alla raccolta fondi di Orgoglio Amaranto per sostenere la prosecuzione del campionato dell’Unione Sportiva Arezzo, della quale Chimet è storico sponsor.

Il maggior numero di richieste è arrivato dalla zona del comune di Arezzo, poi sono arrivati progetti del territorio di Civitella, dove l’azienda ha la sua sede, poi ancora da Monte San Savino. Ma ChimetConTe ha attirato l’attenzione anche da fuori provincia con domande arrivate da Città di Castello, San Miniato e Firenze.

“Questa partecipazione è lo specchio del successo di ChimetConTe e di un duplice significato – conclude l’azienda – da una parte quello del radicamento di Chimet nel territorio e dall’altra del fatto che sia considerata come una risorsa e come punto di riferimento per lo sviluppo e il sostegno di progetti e attività dall’alto valore sociale per questa comunità”.

www.chimetconte.com

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *