di


Chanel, bianco e nero insieme, ancora più bello il J12 Paradoxe

Originariamente solo in ceramica nera, la Maison lo propone ora in doppia cromia ottenuta con accorte tecniche

E’ come il buon vino, migliora negli anni. E’ trascorso ormai un ventennio dagli esordi e l’appeal del J12 continua a crescere nel tempo. Chanel l’aveva originariamente pensato in ceramica nera, seguita poi da quella bianca, ad alta resistenza ed acciaio, e fu dirompente. La Maison parigina adesso va oltre e prova a doppiarne l’allure sommando entrambe le cromie in un unico, nuovo orologio ancora più spavaldo dei predecessori (tra cui l’eccentrico Mademoiselle J12). Bianco e nero insieme in un’unica cassa, secondo una soluzione raggiunta con complessi procedimenti tecnici, perchè tagliare la ceramica non è affatto semplice ed è compito affidato ad esperti.

Si tratta infatti di sezionare con tagli perfetti due casse di opposte cromie per poi affiancarle e ricavarne un unico orologio, il J12 Paradoxe: “ …Una volta tagliate, le due parti vengono quindi assemblate su un supporto metallico nel quale è inserito il fondello di vetro zaffiro… La stampa a tampone prevede che il quadrante sia rivestito integralmente di bianco e poi di nero nella parte destra. Sottoposto anch’esso alla tecnica di stampa a tampone, l’anello della lunetta è colorato di nero e successivamente di bianco, per un effetto bicolore. La parte nera, tuttavia, deve essere ridotta e “cancellata” per creare un allineamento perfetto con la linea di convergenza del bracciale in ceramica bianca”.
Uguale perfezione all’interno della cassa di 38 mm, dove batte il calibro di Manifattura 12.1 a carica automatica (72 ore di riserva) la cui certificazione cronometrica è garantita dal Contrôle Officiel Suisse des Chronomètres.

www.chanel.com/it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *