di


Carole Chabrand, la rivincita del ‘fatto a mano’

Collezione Luxury Arabesques Summer 2015
Collezione Luxury Arabesques Summer 2015

Belli, certo, ma se solo si riuscisse a percepire la fatica che esige ogni singolo gioiello il desiderio di indossarli si moltiplicherebbe, eccome. Perché la passamaneria diventi morbido castone per accogliere le pietre, infatti, le esperte mani che operano nel laboratorio di Carole Chabrand non impiegano meno di 2 – 8 ore di lavoro per realizzare un solo orecchino, un bracciale o una collana. Questa particolare tecnica, originaria dell’Est, è detta soutache e il brand piemontese ancora la pratica interamente a mano, cucendo punto dopo punto, come si usava fare per i pregiati alamari che ornavano i ricchi abiti delle zarine.

Nella collezione “Luxury Arabesques Summer 2015” ha scelto fettucce di cotone e lino per imprigionare l’onice bianco e il risultato è un delicato contrasto di nuance di grande femminilità. Quest’artigianalità tutta italiana, è espressione della passione spesa da Carole e da sua figlia Sofia, esperta di gemme, affinché ogni loro sperimentazione diventi il glamour di oggi e di domani, senza mai trascurare quel tassello fondamentale chiamato tradizione.

Profilo volutamente più easy, invece, per la collezione “Spring Time Flowers and Butterflies”, pensata per un pubblico giovane e dinamico che ama il bijoux di design. È in plexiglass smaltato manualmente e gioca sulle tonalità del grigio e dell’avorio, un accostamento cromatico pressoché insolito e dunque di efficace eccentricità.

L’appuntamento è all’Homi di Milano, Pad. 11, stand L11

www.carolechabrand.it

Collezione Luxury Arabesques Summer 2015
Collezione Luxury Arabesques Summer 2015
Collezione Luxury Arabesques Summer 2015
Collezione Luxury Arabesques Summer 2015
Collezione Spring Time Flowers and Butterflies
Collezione Spring Time Flowers and Butterflies

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *