di


Busti e gioielli fra realtà e immaginazione allo studio 70m2

Sabato 10 aprile è stata inaugurata a Livorno presso lo studio di architettura 70m2 la mostra “de bustibus” di Caterina Crepax con la partecipazione dei gioielli di quattro artiste, Nicoletta Cicalò, Claudia Gramegna, Elisabetta Nava e Lora Nikolova. L’evento ha visto una buona partecipazione di pubblico che si è soffermato di fronte alle opere dimostrando di comprendere e apprezzare l’atmosfera dai toni vagamente fantastici e surreali che i 12 busti della Crepax, i gioielli e anche l’allestimento dello spazio hanno contribuito a creare.

Le creazioni in mostra hanno presentato tutte un minimo comun denominatore che è il gusto, assolutamente soggettivo, con il quale ci si rapporta all’arte. Così, nello spazio immerso in un bianco assoluto, davanti ai busti plasmati con la carta e presentati al pubblico su piedistalli in legno, fino ai gioielli delle quattro artiste vale la regola del “de gustibus”.

Per comprendere e apprezzare l’armonia di ogni singolo gioiello l’allestimento della mostra ha fatto ricorso ad alcune frasi, metafore e parole tratte dai testi poetici in cui inscrivere il significato ultimo dell’opera in esposizione.

Caterina Crepax ed alcune delle creatrici di gioielli saranno nuovamente presenti nella giornata di chiusura della mostra prevista per sabato 24 aprile e potranno incontrare i visitatori più interessati all’approfondimento del loro lavoro.

Foto di apertura
Gioiello di Elisabetta Nava

Orecchino di Lora Nikolova

Collana di Claudia Gramegna



Collana di
Nicoletta Cicalò


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *