di


Business e creatività, il futuro del gioiello passa attraverso VICENZAORO Spring

Mostre, concorsi e premi dal 18 al 22 maggio: le tendenze per le stagioni 2014 e 2015 nell’area curata dall’Osservatorio TRENDVISION Jewellery+Forecasting

THE FUTURE. NOW. An Award and a Contest: the new global scene in Jewellery“. Incisivo il tema di VICENZAORO Spring, in calendario dal 18 al 22 maggio. Le 1400 aziende espositrici, provenienti dai distretti orafi italiani e da oltre 30 paesi esteri, metteranno in vetrina il meglio della creatività, del design e dell’eccellenza orafa artigianale. Il Salone dedicato all’oro e alla gioielleria organizzato da Fiera di Vicenza è sempre più il punto nevralgico dell’Italian Dna, crocevia di esperienze tanto territoriali quanto internazionali.

Responsabilità Sociale d’Impresa, Eccellenza, Innovazione: l’Edizione primaverile incentra dunque la propria progettualità attorno ai temi dell’internazionalità e del rafforzamento della creatività made in Italy unita a una maggiore consapevolezza etica che passa attraverso le tendenze e le contaminazioni tra gioiello e universo del fashion.

VICENZAORO Spring si conferma dunque realtà capace di rinnovarsi a tutto vantaggio del business e se l’obiettivo viene centrato anche attraverso l’organizzazione di concorsi (come il Next Jeneration – Jewellery Talent Contest, in programma venerdì) e premi (come l’Andrea Palladio International Jewellery Awards, di scena sabato), il luogo prediletto per la creazione di stili e tendenze è senza dubbio TRENDVISION Jewellery+Forecasting, l’Osservatorio permanente e indipendente di Fiera di Vicenza che sarà protagonista in fiera con un innovativo e moderno spazio ispirazionale dedicato, “Trendvision Ispirations 2014”. Una vera e propria boutique visiva (Padiglione F – Pedana) costruita intorno al tema principale, “MUTATIONS”: i trend per le stagioni 2014 e 2015, accompagnati dai seminari di approfondimento ideati da Paola De Luca, Creative Director e Forecaster di TRENDVISION Jewellery+Forecasting.

E così il futuro del gioiello si delinea secondo sei macro-direttrici: i cambiamenti del settore concentrati in sei mood, che vanno dalla nuova interpretazione di cui è protagonista il mondo che circonda rivisitato nella contaminazione con la tecnologia (Experimental Nature) fino al senso estetico degli elementi e della struttura atomica, sfere agglomerate e scolpite (Mutations) passando per  il contesto onirico di Shadow Reality, la risposta opulenta del design alla crisi attraverso una reinterpretazione del 21esimo secolo in stile rococò. Ancora un trend che getta un ponte tra culture differenti e distanti: è Ethno-Pop, fusione  futurista di estetica etnica e di know-how, di forme tribali con colori vivaci e nuove tecniche. Dall’altra parte della scala cromatica, i toni del trend Mix’n Craft, la tutela dei valori tradizionali con un pizzico di eccentricità. Il look minimalista è celebrato infine in Visionary Structures, che accoglie forme grafiche che combinano arte e scienza.

L’ampiezza delle tendenze individuate dall’Osservatorio indipendente di Fiera di Vicenza è testimoniata anche dalla sua presenza nelle principali manifestazioni internazionali: protagonista alla rassegna di Hong Kong pochi mesi fa (grazie anche alla collaborazione con l’ICE), la visione futuristica di TRENDVISION Jewellery+Forecasting è pronta a conquistare anche i visitatori del [email protected], in calendario a Las Vegas dal 28 maggio al 3 giugno, a ridosso del JCK Show.

VICENZAORO Spring anticipa al proprio pubblico qualche dettaglio del nuovo concept della fiera, “The boutique Show” appunto, che sarà svelato il prossimo gennaio: un’anteprima della nuova veste di Fiera di Vicenza sarà già esplorabile durante l’edizione alle porte, grazie all’area THE BOUTIQUE SHOW CONCEPT LAB (ingresso Ovest), una riproduzione del mood che trasformerà il volto del Salone. A completare il quadro, un calendario di eventi dal respiro internazionale tra cui spicca la mostra “Il design italiano incontra il gioiello”, a cura di Alba Cappellieri e in collaborazione con Fiera di Vicenza, ospitata da Palazzo Bonin Longare dal giorno inaugurale di VICENZAORO Spring fino al 18 giugno.

Sempre sabato 18 maggio sarà effettuato l’annullo del primo francobollo della serie dove è protagonista il Made in Italy 2013. I francobolli sono dedicati genericamente all’Arte Orafa, in un contesto storico che vede rappresentati 5 manufatti d’epoca. Un riconoscimento a tutto tondo all’eccellenza orafa italiana, indipendentemente dalla provenienza geografica. In tale ottica – al fine di rendere omaggio al Distretto di Vicenza ed, in particolare, alla manifestazione VICENZAORO e a Fiera di Vicenza – nel foglio di 25 francobolli sono stati inseriti in cimosa i loghi di Fiera di Vicenza e VICENZAORO nelle tre declinazioni annuali (Winter, Spring, Fall).

L’emissione era stata presentata lo scorso gennaio, data ufficiale di emissione, dal Presidente di Fiera di Vicenza Roberto Ditri, insieme al Consigliere d’Amministrazione di Poste Italiane Antonio Mondardo e al Presidente dell’Unione Filatelica e Numismatica di Vicenza Luigi Luscia. Le schede che accompagnano questa serie di francobolli sono firmati da personaggi illustri: in questo caso dallo stesso Presidente Ditri.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *