di


Bijoux e accessori, il vintage si incontra a Milano

Torna dal 15 al 17 aprile la kermesse Milano Vintage Week: esposizione e vendita di oggetti originali con una storia da raccontare. Spazio anche alla solidarietà

2016_Milano Vintage Week - archivio- credito fotografico Valerio Giannetti (69)

Torna dal 15 al 17 aprile la Milano Vintage Week: quinta edizione per la kermesse aperta al pubblico che mette insieme il meglio dell’offerta moda e accessori direttamente da un glorioso passato. Negli spazi dello showroom Riccardo Grassi in via Giovan Battista Piranesi 4, un appuntamento da non perdere per fare shopping tra i migliori espositori di vintage, partecipare ai tanti incontri in programma e sognare con gli abiti della mostra Flower Power, a cura dell’archivio storico di A.N.G.E.L.O.

Esposizione e vendita, ma anche un’occasione per riflettere su un sistema di valori da riscoprire e preservare. La formula è semplice e immediata: tutto è a portata di mano – tra gli oggetti in vetrina, molti bijoux e accessori moda – e non è necessario prenotarsi per usufruire degli eventi collaterali. Tra le conferme della manifestazione, il progetto Vintage solidale: il passato ritorna per dare un futuro ai giovani, a sostegno del programma borse di studio della Fondazione Francesca Rava, per i ragazzi delle case-orfanotrofio di Haiti.

2016_Milano Vintage Week - archivio- credito fotografico Valerio Giannetti (66)

“Il punto di forza di Milano Vintage Week è l’accurata selezione della merce in vendita: non abbiamo remake nè articoli rimaneggiati, ma solo pezzi originali con almeno vent’anni di storia da raccontare, che meritano di avere una seconda chance perchè sono ancora fortemente attuali – spiegano Andrea Franchi e Francesca Zurlo, ideatori e organizzatori della manifestazione -. A Milano Vintage Week siamo attenti allo stile e alla qualità, due caratteristiche che vanno oltre i limiti temporali e delle mode del momento. Abbiamo un pubblico variegato – dagli studenti ai professionisti – che apprezza il bello, conosce il valore di un capo d’annata, sceglie e acquista consapevolmente”.

“La nostra ambizione è diventare un punto di riferimento per appassionati e addetti ai lavori, perché tutto comincia dal passato – precisa Franchi -. Proponiamo un’interpretazione sempre contemporanea e mai nostalgica, perché il vintage può essere un elemento disitintivo, il puntino sulla i che dà carattere e personalità anche a un look anonimo. All’estero lo hanno capito da anni: i migliori department store hanno sempre un corner dedicato e gli acquirenti di vintage sono una nicchia di consumatori molto ambita, per la capacità di spesa, la competenza e il livello culturale”.

2016_Milano Vintage Week - archivio- credito fotografico Valerio Giannetti (68)

Milano Vintage Week collabora con enti e aziende, ricercando e selezionando articoli vintage, realizzando progetti speciali dal sapore rètro, sistemando il look a negozi, concept store, boutique hotel, raccontando, in chiave vintage, mete turistiche tradizionali. Fondato da Angelo Caroli nel 1978, A.N.G.E.L.O. Vintage Palace, è un palazzo di tre piani dedicato al vintage, con migliaia i capi e accessori. Un archivio storico di pezzi d’annata, raccolti in ogni parte del mondo, l’unico al mondo che preveda anche il noleggio degli articoli esposti.

“Uno degli aspetti al quale teniamo maggiormente – sottolinea Francesca Zurlo – è la selezione degli espositori e dei pezzi in vendita, perché il nostro pubblico ama la moda e vuole essere alla moda. Il segreto è riuscire a mescolare vecchio e nuovo cercando di valorizzare le singole peculiarità: il total look vintage, come qualsiasi total look, non funziona più. A Milano Vintage Week si trovano capi e accessori che sembrano freschi di passerella e, invece, hanno più di trent’anni. E chi si occupa di ricerca per le aziende, riesce anche a scoprire piccoli tesori: capi così all’avanguardia da anticipare le tendenze”.

www.milanovintageweek.com

2016_Milano Vintage Week - archivio- credito fotografico Valerio Giannetti (67)

(credito fotografico: Valerio Giannetti)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *