di


Bérénice Noël e le trappole occulte

La storia di una sirena ammaliatrice è l'ispirazione per le sue creazioni


Recentemente presentati alla Irene Belfi Gallery a Milano, i gioielli di Bérénice Noël
raccontano una storia chimerica ambientata nei fondali fantastici della mente dell’artista. La protagonista del racconto è una sirena che, per attirare a sé gli uomini e intrappolarli, maschera appuntiti ami adagiati nelle profondità marine con perle e pietre che ne nullificano l’insidia. Il contrasto che si ottiene è seducente: il materiale grezzo delle esche si contrappone alla limpida gentilezza delle pietre che le adornano e che si ripetono come grappoli preziosi su orecchini, collane e anelli.


Orizzonti fantastici che sono il risultato di una formazione iniziata presso gli Atelier de Sèvres di Parigi, continuata alla Scuola d’Arte e Design di Geneva e negli studi di Philip Sajet come apprendista. Bérénice Noël vive e lavora a Parigi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *