di


Baselworld, Sylvie Ritter lascia le redini a Michel Loris-Melikoff

Dopo 15 anni alla guida di Baselworld, la manager lascia. Il nuovo managing director prenderà il suo posto da luglio e annuncia i piani del 2019

 


Baselworld_mch-group-media-loris-melikoff-min
Michel Loris-Melikoff

Sylvie Ritter lascia. Managing director di Baselworld da 15 anni, ha deciso di lasciare le redini del Salone mondiale dell’orologeria e della gioielleria e del Gruppo MCH, che lo organizza. A prendere il suo posto, dal primo luglio, sarà Michel Loris-Melikoff, che fino ad ora ha ricoperto la carica di direttore di MCH Beaulieu Lausanne SA. La fiera elvetica si ritrova così a riorganizzare la propria governance all’indomani del recente ridimensionamento in termini di durata e numero di espositori.

Un processo avviato già lo scorso anno e che nel 2018 ha visto una nuova configurazione per il Salone, che ha ridotto i giorni di fiera da sette a cinque e ha visto una contrazione delle aziende partecipanti dalle 1500 dei tempi d’oro alle 650 di quest’anno. Nel corso dell’ultimo anno molte aziende hanno espressamente dichiarato il proprio allontanamento da Baselworld e un certo peso lo avrà avuto anche l’avvio di nuove fiere europee, come GemGenève. Per completare il contesto di riferimento, l’addio di Sylvie Ritter avviene quasi contemporaneamente alla nuova governance del principale player italiano, Italian Exhibition Group, che a fine aprile ha nominato un nuovo Consiglio di amministrazione con un conseguente riassetto degli equilibri interni tra le due società originarie, Fiera di Vicenza e Rimini Fiera, e la nomina di un Amministratore delegato, Ugo Ravanelli, oltre al licenziamento dell’ex direttore generale Corrado Facco. A questo ancora si aggiunge l’annuncio del progetto di riqualificazione della fiera berica, con un investimento totale, da parte di IEG,  di 61milioni di euro: una tranche di 33 milioni per la realizzazione del padiglione 2; una seconda da 7 milioni per il restyling dell’intera fiera; la terza, di 21 milioni, per rifare il padiglione 3. 

La questione, vista nel breve termine, riguarderà anche la destinazione delle varie categorie di prodotto: se infatti Baselworld è stata per anni il luogo ideale per le presentazioni della gioielleria di alta gamma, finora presente in minima quota alla fiera di Vicenza, si dovrà comprendere quale sarà, domani, la loro collocazione all’interno del panorama fieristico. E, di conseguenza, dove andranno i top buyer. Insomma, l’intero scenario fieristico europeo dà avvio a una nuova era, in cui può sembrare naturale anche la nuova squadra di Baselworld, anche se naturalmente non è dato sapere se la decisione dello storico managing director è strettamente legata ai cambiamenti occorsi negli ultimi due anni.

Baselworld_Sylvie Ritter-min
Sylvie Ritter

“Dopo 26 anni con il Gruppo MCH, 15 dei quali da Managing Director di Baselworld, è tempo per me di iniziare qualcosa di nuovo e affrontare nuove sfide” ha detto la Ritter. Rammarico per la sua decisione è stato espresso sia dal “Comité Consultatif” sia dai vertici del gruppo“Ha plasmato e diretto Baselworld con grande passione e professionalità – afferma l’amministratore delegato René Kamm -. Siamo molto dispiaciuti della sua partenza e vorrei ringraziarla a nome dell’intero Gruppo per il suo straordinario impegno durante i molti anni di attività all’interno della nostra azienda”.

“Sylvie Ritter ha lasciato il segno su Baselworld per decenni ed è stato il contatto personale più importante per gli espositori di Baselworld” commenta François Thiébaud, presidente del Comitato degli espositori svizzeri, mentre Eric Bertrand, presidente del Comitato Espositori di Baselworld, sottolinea che “il suo eccezionale impegno e la sua eccellente conoscenza del settore sono sempre stati apprezzati”.

Michel Loris-Melikoff è un avvocato di 53 anni che ha iniziato la sua carriera nel private banking, prima di entrare nell’industria degli eventi 20 anni fa. Dopo sei anni come presidente della Zurich Street Parade, ha assunto la gestione di un’agenzia di eventi che ha elaborato e implementato concetti per eventi nazionali e internazionali organizzati da associazioni sportive internazionali, enti pubblici e aziende private. In seguito è diventato amministratore delegato della “St. Jakobshalle” a Basilea, prima di entrare a far parte del gruppo MCH“Siamo lieti di aver trovato un successore molto competente in Michel Loris-Melikoff”, ha tenuto a precisare il Ceo René Kamm.


BASELWORLD 2018


Oggi Loris-Melikoff si prepara ad accompagnare la fiera di Basilea verso il nuovo assetto. “Amplieremo il team di Baselworld e svilupperemo ulteriormente l’evento per continuare sulla strada del miglioramento della qualità e per affrontare le sfide del futuro – ha spiegato -.

L’obiettivo è posizionare Baselworld come principale piattaforma di marketing e comunicazione per il settore: stiamo affrontando questo compito con un gran numero di nuove idee e con preziosi input da parte di espositori, visitatori e media”.


In particolare, Loris-Melikoff ha annunciato un’iniziativa relativa al segmento dei gioielli, ma nuovi concept verranno elaborati anche per i settori dell’orologeria e delle pietre preziose. In cosa consisteranno questi nuovi format è ancora in via di definizione: la fiera, infatti, ci ha comunicato che le novità – che includeranno anche innovazioni nei settori della ristorazione, dell’ospitalità e degli eventi – saranno discusse a partire da adesso e per i prossimi mesi, e che soltanto a ottobre saranno rese ufficiali. 

www.baselworld.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *