di


Baselworld slitta a Gennaio 2021

Baselworld vittima del coronavirus. È ufficiale: c’è anche il salone svizzero tra le manifestazioni fieristiche che a causa del virus una dopo l’altra stanno rinviando i propri appuntamenti primaverili.

Baselworld_2019-min
ORO E OROLOGI.
La prima “contagiata”, come noto, è stata Hong Kong: l’HKTDC che a inizio febbraio è stata costretta a rimandare l’Hong Kong International Diamond, Gem & Pearl Show 2020 – originariamente prevista per il 2-6 marzo – e l’Hong Kong International Jewellery Show 2020, che era in programma dal 4 all’8 marzo, spostandole al 18 al 21 maggio.

Nello stesso periodo anche il gruppo Swatch ha comunicato l’annullamento del salone dell’orologeria di Zurigo, Time to move, previsto dal 28 febbraio al 2 marzo per il pubblico specializzato e dal 4 al 6 marzo per la stampa.

Ieri è arrivata poi la notizia della cancellazione di Watches and Wonders, fiera degli orologi che avrebbe dovuto svolgersi a Ginevra dal 25 al 29 aprile, data coordinata proprio con il salone di Basilea. «Alla luce degli ultimi sviluppi relativi alla diffusione mondiale del coronavirus Covid-19 – ha comunicato in una nota la Fhh – Fondation de la haute horlogerie – è nostro compito anticipare i potenziali rischi che i viaggi e gli importanti incontri internazionali potrebbero comportare. Pertanto, al fine di proteggere la salute e il benessere di tutti i nostri ospiti, stampa, partner e team, è stata presa la decisione di annullare la prossima edizione. La Fhh sta già lavorando all’organizzazione dell’edizione 2021».

Unica superstite, in questo periodo, la Bangkok Gems & Jewelry Fair, in corso regolarmente nella capitale della Thailandia.

BASILEA. E mentre tutti si chiedevano cosa avrebbero deciso di vertici di Baselworld, è arrivata la comunicazione che molti davano per probabile: il salone dell’orologeria e della gioielleria non si svolgerà dal 30 aprile al 5 maggio. Questa volta, però, niente annullamento, ma un balzo in avanti di nove mesi, al 28 gennaio – 2 febbraio 2021.

«La difficile decisione – si legge nella nota diffusa – è stata presa dopo una stretta consultazione con i partner e le autorità sanitarie, nei quali Baselworld ha completa fiducia. In seguito all’ufficializzazione del divieto di ampi assembramenti pubblici, che avrebbero avuto forti ripercussioni sullo show, era necessario prendere una decisione, perché tutti i preparativi, in particolare gli allestimenti dei padiglioni e degli stand, sarebbero cominciati la prossima settimana».


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *